Vigor Perconti – Ferentino (U16): la cronaca del match e le interviste ai due tecnici

Simone Capone 31 marzo 2019 Commenti disabilitati su Vigor Perconti – Ferentino (U16): la cronaca del match e le interviste ai due tecnici
Vigor Perconti – Ferentino (U16): la cronaca del match e le interviste ai due tecnici

A cura di Valerio Bertolelli

Vigor Perconti – Ferentino 4-2

Vigor Perconti: D’Apote; D’Apice, Grossi (6’st Valeriani), Mascia, Albanese; Kerxhaliu, Pires; Ferraro (18’st Dominici), Orlandi (38’st Bruschi), Proia; Muhammad (40’st Guiliche). A disp. D’Adamo, Costa, Di Martino. All. Bernardini

Ferentino: Avecone; Rossi, Fratarcangeli, Simonelli (27’st Caliciotti), Testani; Scaccia, Migani (32’st Vellucci), Dellavecchia; Pifferi (1’st Bracaglia), Limotta, Contarino (15’st Schioppa). A disp. Martellacci, Olivieri. All. Campagna

Arbitro: Flavia Branchesi di Roma 2

Marcatori: 33’pt 22’st Limotta, 9’st Proia, 10’st Muhammad, 30’st Orlandi, 38’st Pires rig.

Note:

Ammoniti: Kerxhaliu, Proia.

Angoli: 10-2

Crea, soffre e poi vince la Vigor Perconti che, al Vigor Sporting Center, ha affrontato e battuto il Ferentino con un poker davvero niente male. In piena zona play off, i padroni di casa hanno difeso il terzo posto dai ragazzi di Campagna, a caccia di punti per avvicinarsi proprio ai rossoblù. Nonostante la grande prestazione, gli ospiti non sono riusciti ad arginare la grande mole di gioco della Vigor Perconti, che ha avuto grandissime difficoltà nell’andare a rete grazie alla partita straordinaria del numero 1 del Ferentino, Francesco Avecone.

La partita comincia con i padroni in attacco che provocano i primi brividi agli avversari già all’11’ con Orlandi che colpisce di testa su calcio di punizione, ma non riesce ad angolare bene ed il portiere avversario devia in angolo. Dal corner invece, è Proia a cercare la zuccata vincente, ma Avecone disinnesca l’azione con una grandissima parata. Al 23’ c’è la prima vera azione pericolosa del Ferentino con Limotta che, dopo un duello con il difensore avversario, calcia al volo in porta, ma il tiro è centrale e facile per il portiere. Questa azione segna l’inizio del momento positivo degli ospiti che al 31’ sfiorano il gol con Pifferi che, dal vertice alto dell’area, cerca un tiro a giro sul secondo palo, ma spedisce di poco fuori il pallone. Nell’aria però, c’è profumo di gol per il Ferentino che, infatti, arriva al 33’ con Limotta che insacca da pochi metri dopo l’intervento indeciso del portiere.

Alla ripresa, i ragazzi di mister Bernardini cominciano a scalare le marce sempre più velocemente, inseguendo la rete del pareggio con ogni fibra muscolare. Gli sforzi della Vigor Perconti cominciano a dare i primi frutti già all’8’ con Proia che calcia a botta sicura dal limite dell’area, ma la gioia del gol gli viene smorzata da un altro grande intervento del numero 1 del Ferentino. La pressione sugli ospiti è tanta da sostenere e finalmente i padroni di casa trovano il pareggio al 9’ sempre con Proia che si fa perdonare l’azione precedente trafiggendo a bruciapelo il portiere. Rete della Vigor che stordisce gli avversari che, un minuto dopo, non riescono a coprire bene Muhammad che a tu per tu con il portiere non sbaglia il duello e porta il risultato sul 2-1. Una doccia fredda e inaspettata, ma che riesce a risvegliare gli animi dei ragazzi di mister Campagna, che al 22’ trovano il clamoroso gol del 2-2 con Limotta che firma la doppietta con un gol analogo al primo. Mentre il secondo tempo comincia ad entrare nel vivo, il Ferentino comincia ad accusare la fatica e piano piano cede il passo ai rossoblù che trovano la rete del vantaggio al 30’ con un bel gol di Orlandi che corona così, la grande prestazione, grazie ad un perfetto tiro a giro sul secondo palo. Al 38’ poi, arriva la rete che segna la fine della partita. L’arbitro, infatti, assegna un calcio di rigore alla Vigor Perconti che Pires insacca con un cucchiaio morbidissimo.

Partita molto divertente che finisce sul risultato di 4-2, con Orlandi che ha giocato una grande gara per i padroni di casa e che, sfortunatamente ha trovato contro di lui un ispiratissimo Avecone che è riuscito a distinguersi con una serie di parate davvero di livello.

A fine partita Marco Bernardini, allenatore della Vigor Perconti, ha raccontato così i suoi pensieri: “In settimana abbiamo sperato che il Ferentino recuperasse tutti i giocatori e venisse al completo perché sapevamo sarebbe venuta fuori una grande partita. Loro sono venuti a giocarsi l’ultima carta per andare alle finali, hanno messo in campo una prestazione di grinta, di voglia, di organizzazione ed è stata una grandissima partita, di quelle che servono per crescere. Queste sono partite che danno una grande soddisfazione. Noi venivamo da una settimana particolare e sfortunata. Oggi nei primi 25 minuti abbiamo fatto una grande partita e il portiere loro ha fatto una parata da Serie A mentre loro, alla prima occasione sporca hanno trovato il gol. Questo avrebbe demoralizzato chiunque, ma a fine primo tempo ho detto ai ragazzi che le difficoltà si prendono di petto e se ci sono è meglio per noi perché se non arriviamo a fare le finali almeno siamo cresciuti grazie agli ostacoli. Abbiamo fatto un secondo tempo importante, siamo andati sopra 2-1 e loro sono riusciti a pareggiare con un gol strano. Chiunque, a tre giornate dalla fine si sarebbe demoralizzato, invece, noi abbiamo avuto la mentalità, la voglia e la forza di reagire, una cosa che ho sempre voluto nella prima parte di campionato. Abbiamo fatto il salto di qualità, continuiamo a crescere partita dopo partita da questo punto di vista e ben vengano le difficoltà perché se dovessimo arrivare alle fasi finali è meglio arrivarci avendo vissuto tante problematiche, tante difficoltà perché queste forgiano. Noi davanti abbiamo dei giocatori importantissimi e il discorso è anche la mentalità, l’atteggiamento che hanno. È una squadra che sa che per giocare in questa maniera qui, giocare questo calcio, tra virgolette, posizionale, ci vuole tanta attenzione perché come sbagli qualcosa vai in difficoltà, soprattutto ci vuole tanto lavoro da parte degli attaccanti, perché giocando con quattro attaccanti significa che questi  sono i primi a dover difendere soprattutto nelle fasi di transizione negativa. Mentalmente abbiamo fatto un grande salto di qualità e tutte le problematiche che avevamo nella prima parte di campionato stanno diventando i punti di forza, ne sono molto contento e gliene riconosco pieno merito, a loro e allo staff che mi aiuta durante la settimana”. Con un pizzico di rammarico, mister Campagna, ha raccontato così i suoi pensieri sulla gara del Ferentino: “Oggi c’è stata una buona prestazione, venivamo da due risultati negativi. Non so se sapete che i ragazzi del 2003, stanno andando la domenica con i 2002, quindi hanno un dispendio di energie totale che ha fatto sì che siamo scesi un po’ fisicamente nel secondo tempo. Comunque, i ragazzi hanno lottato e hanno fatto una buona partita. Sono due mesi che combattiamo per l’altra causa ovvero salvare i 2002, di cui sono sempre io l’allenatore. Anche le altre due partite perse sono dovute a questo, noi eravamo in zona play off ad occhi chiusi. Mi dispiace per i ragazzi che avevano questo sogno di andare a fare i play off però la priorità adesso è salvare i 2002 e loro devono darci una mano. Francesco Avecone è un buon portiere, ha esordito domenica con i 2002 parando un rigore, ma nessuno ne parla, nessuno lo vede. Noi che lo vediamo tutti i giorni vediamo che innanzitutto è un ragazzo educato ed eccezionale che ha delle grandi capacità.”