Urbe, le mosse di Ripa portano la semifinale: 5 – 2 ai supplementari al TDQ

Alessandro Bastianelli 7 maggio 2017 Commenti disabilitati su Urbe, le mosse di Ripa portano la semifinale: 5 – 2 ai supplementari al TDQ
Urbe, le mosse di Ripa portano la semifinale: 5 – 2 ai supplementari al TDQ

Di Alessandro Bastianelli.

Allievi Elite, quarti di finale: Urbetevere – Tor Di Quinto 5 – 2

Urbetevere: Calisse; Tumminiello (17’st Menghini), Mengoni, Capparella (7’sts Orsili), Pasquali (17’st Pellecchia); Paola, Inglese (4’sts Colacicco), Campo (9’sts Nuzzo); Gullotto (25’st Vari), De Marchis, Leopardi. A disp. : Falcone. All. : Ripa.

Tor Di Quinto: Pancotto; Angelini (6’pt Celesti), Corsetti, Staffa (5’pts Zorli), Mihajlovic, Pellegrini; Pitzalis, Francioni, Pelliccioni (20’st Russo); Marcello Maxim (33’st Spizuoco); Sornoza. A disp. : Palombelli, Vagnarella, Berardelli. All. : Basili.

Arbitro: Pizzo di Roma 1.

Marcatori: 10’pt Gullotto, 42’pt rig. Pellegrini, 5’st Staffa, 22’st De Marchis, 7’pts Menghini, 2’sts Pellecchia, 4’sts Inglese

Note: 1’ e 4’ recupero; 1’ e 1’ recupero; ammoniti De Marchis, Leopardi, Francioni, Pelliccioni, Campo, Capparella.

Un quarto di finale incredibile, vinto da un gruppo di ragazzi che ci hanno mostrato cose straordinarie.

La prima finale degli Allievi Elite è uno spot per il calcio giovanile, una gara di rara intensità e furore agonistico che premia l’Urbetevere solo ai supplementari.

Cinque a due il punteggio finale, con il Tor Di Quinto capace di rimontare nella ripresa l’iniziale gol dell’Urbe, bravissima però a rimetterla in piedi e portarla ai supplementari.

La gara diverte subito. Consumati i necessari preliminari, l’Urbetevere si fa viva al 10’, Gullotto incoccia col destro ma la palla lambisce il palo.

La risposta del Tor Di Quinto è affidata a Staffa, il mediano però inquadra male la porta su punizione.

Il Tor Di Quinto perde subito Angelini per infortunio, entra il classe 2001 Celesti che al 15’ per poco non va in gol, la palla si perde fuori.

Al 20’ una magia scuote  l’atmosfera di via della Pisana: a lanciare l’incantesimo è Gullotto, che si inventa un tiro incredibile a giro che finisce sotto la traversa, imprendibile per chiunque, 1 – 0.

Il Tor Di Quinto reagisce, Pelliccioni ci prova su punizione, Calisse si supera compiendo il primo miracolo di giornata.

Non sarà il solo della gara, ma nel finale si esalta anche Pancotto uscendo basso e risolvendo una mischia in area.

Quando sembra tutto pronto per un riposo favorevole all’Urbe, il Tor Di Quinto trova il pareggio, con annesse polemiche. Fuga di Sornoza, l’ex di gara viene atterrato da Paola, incredulo di fronte ad una decisione che lascia più di qualche dubbio.

Dal dischetto comunque Pellegrini non sbaglia, 1 – 1.

È un gol pesante, che soffia l’inerzia della gara verso i colori rossoblu.

Neanche cinque minuti e il Tor Di Quinto passa in vantaggio, completando il sorpasso: bello schema su corner di Francioni, Gentili spizza e Staffa insacca a pochi centimetri dalla linea di porta.

L’Urbe si disunisce, Basili ordina il tutti avanti e Calisse è chiamato al miracolo al 12’ su Pitzalis, assente ingiustificato nel primo tempo e protagonista nella ripresa.

Il Tor Di Quinto è scatenato e vuole il vantaggio, Pelliccioni lavora un gran pallone al 12’ per Corsetti, inserimento perfetto, la traversa dice no.

È una scossa che rianima l’Urbetevere, fin lì in prognosi riservata.

Mister Ripa ha una pazza idea: fuori due difensori, dentro Pellecchia e Menghini, attaccanti di professione, con Inglese e De Marchis a fare i terzini.

E così al 22’, quasi per caso, l’Urbe si fa rivedere in area Tor Di Quinto e De Marchis, con grande opportunismo, insacca il pareggio.

L’Urbe si ritrova con 5 punte in campo, e riesce ad arrivare comunque ai supplementari, dove i gialloblu mettono la firma al proprio capolavoro.

Russo, scelto da Basili nella ripresa, impegna subito Calisse, mentre Inglese inizia ad arare la fascia e per poco Pellecchia non firma un gol strepitoso.

Ma la rete è destinata ad arrivare: minuto numero otto, altra fuga di Inglese, Corsetti marca male, il cross è un invito perfetto per Menghini, che va a danzare sotto la curva, 3 – 2 !

Nel secondo tempo supplementare l’Urbetevere mette i puntini sulle i, mandando in rete prima Pellecchia, ispirato da uno splendido passaggio di Vari (altro 2001) e poi Inglese, che si prende la palma di migliore in campo con gol e assist.

Finisce 5 – 2, l’Urbetevere si qualifica così alla semifinale e se questo è il biglietto di visita, le finali saranno uno spettacolo!