Tris Ostiamare al Ladispoli, Cabella firma la terza gioia di fila

redazione 5 novembre 2018 Commenti disabilitati su Tris Ostiamare al Ladispoli, Cabella firma la terza gioia di fila
Tris Ostiamare al Ladispoli, Cabella firma la terza gioia di fila

E sono tre. L’ Ostiamare batte il Ladispoli per 3 a 2, e conquista la terza vittoria consecutiva (dopo Torres all’ Anco Marzio e Latina al Francioni) portandosi a quota 16 in classifica, nel Girone G. Come nel 2005, anche tredici anni dopo il Ladispoli deve arrendersi ai Gabbiani biancoviola (questa volta all’ Anco Marzio e non come in quella stagione al Tarascio, ndr), che dopo 40 minuti perfetti, subiscono la reazione (due reti da calcio da fermo) della compagine dell’ Angelo Sale, prima di piazzare il colpo definitivo con Cabella. Per il talento classe ’99, uno dei protagonisti importanti di questa prima parte di campionato, è anche la prima rete tra i Dilettanti.

Ma andiamo con ordine e partiamo proprio da quest’approccio fantastico dell’Ostiamare alla gara. Grande intensità e grande voglia di mettere subito le cose in chiaro. Tanto che dopo 10 minuti sono già due le chance per i ragazzi di Ostia, con Salvato efficace sia su De Iulis che su Cabella. Al 25′, però, il giovane portiere del Ladispoli non può nulla sull’azione fenomenale di Bertoldi che (servito da capitan D’Astolfo) se ne va in dribbling, supera due uomini e poi conclude con il destro, vincente. Terzo centro in stagione per lui.

L’ Ostiamare insiste, cinge d’assedio il fortino dell’undici di Bosco, e al 38′ trova il raddoppio. E’ un’altra perla, questa volta incastonata all’angolino alla sinistra di Salvato da De Iulis. Conclusione a giro, quasi da fermo, e palla in fondo al sacco. 2 a 0 e quarta rete in questo campionato per l’ex Aquila.

Il Ladispoli, non pervenuto fino a quel momento, torna dentro al match grazie ad un calcio piazzato. Nel secondo dei tre minuti di recupero concessi dal direttore di gara (per alcuni infortuni, come quello di Pedone, ristabilitosi dopo un brutto colpo ricevuto e non sazionato adeguatamente dal leccese Tomasi, ndr) Camilli disegna la parabola vincente (nonostante il tocco di Giannini che l’aveva quasi smanacciata via). All’intervallo, quindi, Ostiamare avanti, ma con un 2 a 1 davvero stretto per quanto visto sul terreno di gioco.

Si riparte, e dopo 10 minuti, un altro piazzato rega alla formazione rossoblù il 2 a 2. Questa volta, a far male all’ Ostiamare, è uno degli ex del match, Federico Cardella, che trova lo specchio e il gol che vale la parità. Il match non conosce soste e le emozioni sono tutt’altro che finite. Così, due minuti dopo aver subito il pari, l’undici lidense torna ancora avanti e questa volta in modo definitivo. Cabella strappa la sfera in area ad un difensore del Ladispoli e, con grande abilità e velocità, sfodera un diagonale che non lascia scampo a Salvato. 3 a 2 e prima rete in Serie D per il giovane ’99 ex Primavera del Bari.

Il Ladispoli, i suoi jolly se li è già giocati, e l’ Ostiamare, seppur con qualche patema d’animo, riesce a portare a casa una vittoria fondamentale, sfiorando il 4 a 2 nel finale ancora con De Iulis che ancora a giro ci prova, trovando però l’opposizione, in volo plastico, di Alessio Salvato. Finisce in gloria per i biancoviola, ora tutti ad Albano, prossima tappa.

CAMPIONATO NAZIONALE SERIE D, GIRONE G (10^ GIORNATA)

OSTIAMARE – LADISPOLI 3-2

OSTIAMARE: Giannini, Di Iacovo, Colantoni, Pedone, Pieri, Martorelli, Cabella, D’A stolfo, De Iulis, Bertoldi, Attili (34’st Ferrari). A disp. De Persio, Sarrocco, Calveri, Scaccia, Pellegrini, Chinapah, Olivetti, Chiurco. All. Alfonso Greco.
LADISPOLI: A. Salvato, G. Salvato, Mastrodonato, De Fato, Gallitano, Leone (40’st Pagliuca), M. Sganga (12’st Cannizzo), A. Sganga (38’st Bertino), Cardella, La Rosa (1’st Tollardo), Camilli. A disp. Travaglini, Barone, Manzari, Zucchi, Maroncelli. All. Pietro Bosco.
ARBITRO: Tomasi di Lecce.
MARCATORI: 25’pt Bertoldi (OM), 38’pt De Iulis (OM), 47’pt Camilli, 10’st Cardella (L), 12’st Cabella (OM).

 

Ufficio Stampa Ostiamare Lidocalcio

Banner-trasmissione-Sport-In-Oro-2018-19