Tivoli 1919, missione compiuta: Gli amarantoblu superano un grande Atletico Lodigiani, ora il triangolare play-off con Real Monterotondo Scalo ed UniPomezia

Andrea Dirix 7 Giugno 2021 Commenti disabilitati su Tivoli 1919, missione compiuta: Gli amarantoblu superano un grande Atletico Lodigiani, ora il triangolare play-off con Real Monterotondo Scalo ed UniPomezia
Tivoli 1919, missione compiuta: Gli amarantoblu superano un grande Atletico Lodigiani, ora il triangolare play-off con Real Monterotondo Scalo ed UniPomezia

ATLETICO LODIGIANI-TIVOLI 1919  2-3

 

 

Atletico Lodigiani (4-3-3):   Bolletta; Ceka (84’Roberti); Dabo, Guidotti, Marchizza; Rondoni, Micheli, De Palma (67’Gori); Di Nolfo, Demofonti F., D’Ottavi (81’Passi). A disp.:Chingari, Baiardi,  Barba, Shahinas, Schettini, Karas.All.:Apuzzo.

Tivoli 1919 (4-2-3-1): Facchini; Giocondi, Virdis, Valentini (66’Fusaroli), Passiatore; Rubino, Mastromattei (73’Blandino); De Costanzo (76’Turmalaj), Laurenti (62’Teti), Dominici (66’Morbidelli); Danieli. A disp.:Costantini, D’Urbano, Giovanazzi, Montesi. All.:Lucidi.

Arbitro: Iurino di Venosa

Ass.arb.li: Caprari e Passeri di Roma 1.

Reti: 10’ Valentini (T), 33’Ceka (AL), 61’Micheli (AL), 92’Teti (T), 96’Morbidelli (T).

Note: Ammoniti Bolletta (AL), Ceka (AL), Micheli (AL), Demofonti F. (AL), De Palma (AL), Valentini (T), Danieli (T), Turmalaj (T) e Morbidelli (T).

Calci d’angolo:4-4. Recupero:2’pt e 9’st.

Gara iniziata con dieci minuti di ritardo a causa dell’assenza temporanea della Luiss al Tomei.

Buona presenza di pubblico.

Tempo variabile con pioggia fina a tratti nel primo tempo.

 

 

A cura di Giorgio Attolico

 

 

La Tivoli 1919 approda ai play-off al fotofinish.

Al Francesca Gianni la squadra di Lucidi, dopo essere stata sotto di un goal fino al 92’, riesce con grande carattere e mentalità, a ribaltare il risultato, contro un’ottima Atletico Lodigiani che si è arresa dopo aver giocato molto bene per tutta la partita.

Ad inizio gara, le due squadre lottano molto a centrocampo ed al 10’, gli amarantoblu, alla prima opportunità, passano in vantaggio: sugli sviluppi di un angolo battuto da Laurenti dalla sinistra, Matromattei, sul versante opposto, effettua un cross perfetto per il colpo di testa di Danieli, non trattenuto da Bolletta e sulla ribattuta, Valentini ribadisce in rete con un tap-in dall’area piccola.

Sotto di un goal, i romani non ci stanno ed al quarto d’ora, vanno vicino al pari con Rondoni ma la sua conclusione termina alta di poco.

I padroni premono mentre i tiburtini sono un po’ contratti.

Alla mezz’ora, la squadra di Apuzzo va vicinissima al pari con D’Ottavi che dopo un bel numero sulla sinistra, siaccentra e conclude prontamente ma l’estremo difensore ospite fa buona guardia respingendo il tiro alla sua sinistra.

E’ il preludio al goal del pareggio che arriva tre minuti dopo con Ceka che realizza con un bellissimo tiro ad effetto dal versante destro con il pallone che finisce in rete nel sette alla destra dell’incolpevole Facchini.

Sull’1-1, i biancorossi sono   galvanizzati mentre i tiburtini accusano il colpo.

Nel finale di tempo, al 36’, i padroni di casa si rendono pericolosi con Capitan De Palma, tra i migliori dei romani con Ceka, Dabo, Marchizza, Guidotti e Micheli, che effettua un tiro-cross dalla sinistra che però non sorprende il portiere della Tivoli che si rifugia in calcio d’angolo.

Prima dell’intervallo, al 43’, il team di Apuzzo va vicino al terzo goal con Ceka, tra i migliori dei romani con Capitan De Palma, Dabo, Bolletta, Marchizza, Guidotti e Micheli, che conclude a rete dai venti metri dopo un bel numero ma il pallone finisce fuori di poco alla destra del portiere ospite.

Nella ripresa, i tiburtini entrano in campo molto determinati e dopo neanche un minuto, vanno vicinissimo al nuovo vantaggio con Danieli che si gira bene ma non inquadra la porta con il suo tiro che termina fuori di un soffio  alla destra di Bolletta.

Due minuti dopo, la Tivoli ci riprova: sul cross di Virdis dal versante sinistro, Danieli, dopo un’indecisione, conclude a rete da due passi   ma il pallone termina incredibilmente alto creando più di un brivido alla porta dei romani.

Gli ospiti aumentano il loro forcing, mentre i padroni di casa sono molto arroccati in difesa cercando di sfruttare bene le ripartenze ed al 16’, al termine di un’azione veloce, raddoppiano: sul cross perfetto di Guidotti dal versante sinistro, Micheli schiaccia di testa in tuffo nell’area piccola con il pallone che termina in rete.

A questo punto, Lucidi corre ai ripari mandando in campo Teti al posto di Laurenti con l’obiettivo di trovare più incisività in attacco.

Al 21’, doppio cambio per i tiburtini con Fusaroli che rileva Valentini, già ammonito, e Morbidelli per Dominici con lo scopo di trovare più vivacità in fase offensiva.

Poco dopo, risponde Apuzzo con Gori al posto di De Palma, un po’ stanco, nell’intento di trovare più freschezza a centrocampo.

Gli amarantoblu insistono ma sono molto sbilanciati in avanti ed al 23’, l’Atletico Lodigiani va vicinissimo al terzo goal: Di Nolfo lancia D’Ottavi che tenta il pallonetto sull’uscita di Facchini che però è molto bravo e sventa la minaccia con un bell’intervento.

Tre minuti dopo, Fusaroli ci prova con un tiro insidioso dalla distanza che viene deviato e termina fuori di poco alla destra di Bolletta.

Al 27’ quarto avvicendamento per gli ospiti con Blandino per Mastromattei, cercando più freschezza in mezzo al campo e quattro minuti dopo, Lucidi effettua il suo ultimo cambio con Turmalaj al posto di De Costanzo cercando più freschezza a centrocampo sulle corsie esterne.

Gli amarantoblu premono con la forza della disperazione, alla ricerca del pareggio, mentre i romani sono molto chiusi in difesa.

Il finale è thrilling e vietato ai deboli di cuore.

Al 31’, seconda sostituzione per i biancorossi con Passi al posto di D’Ottavi nell’intento di trovare più freschezza sulle corsie esterne.

E’ disperato il forcing della Tivoli che però fa molta confusione anche se al 45’ per poco non ottiene il pareggio: sul calcio di punizione a due, Morbidelli, tra i migliori degli ospiti con Teti, Valentini e Capitan Passiatore, tocca per Danieli il cui ?rasoterra, deviato dalla barriera, per poco non inganna il portiere dell’Atletico Lodigiani che riesce con un intervento prodigioso di piede a salvare la sua porta.

Sembra una giornata stregata per i tiburtini ma due minuti dopo, nel secondo minuto dei nove minuti complessivi di extra-time concessi dall’arbitro Iurino di Venosa, gli amantoblu pareggiano: Morbidelli, effettua un cross dal versante destro per il colpo di testa di Teti, il man of the match         , che termina in rete all’angolino, nel         sette, alla destra dell’incolpevole Bolletta.

E’ il goal del 2-2 che fa esplodere di gioia sia i giocatori che i tifosi ospiti presenti sugli spalti.

Si scaldano gli animi tra le due panchine e dopo il ritorno della calma, il team di Lucidi capovolge il risultato, al 51’, sempre con il duo Morbidelli-Teti ma questa volta, a parti invertite: bella sponda di testa dell’ex Cerveteri e conclusione precisa di Morbidelli che insacca alla sinistra del portiere locale.

E’ il goal del 3-2 per gli amarantoblu con cui si chiude il match ed al triplice fischio del direttore di gara, comincia la festa, in campo e sugli spalti, della Tivoli che approda dopo tanta paura, ai play-off, ma contestualmente va anche sottolineata l’ottima prestazione della squadra di Apuzzo che al di là dell’amaro verdetto, ha disputato una grandissima partita che non meritava di perdere.

Alla fine, sono stati decisivi gli ingressi dei due attaccanti, nelle fila dei tiburtini, per recuperare una partita che la Tivoli si era anche complicata da sola ma grazie a questo risultato, la società del Patron  Caucci si qualifica per la seconda fase legittimando il primato nel girone.

Durante e dopo il match, non sono mancate le polemiche e le perplessità per la gara non disputata al Tomei tra Sora e Luiss, a causa del ritardo di oltre mezz’ora della squadra romana che consegnerà inevitabilmente la vittoria a tavolino ai bianconeri.

Un epilogo certamente amaro per un Girone C che ha vissuto un cammino tutt’altro che agevole anche in virtù della vicenda che purtroppo ha condotto al ritiro del Città di Anagni, ma che si chiude comunque con il meritato successo dei tiburtini di Lucidi.

Ora per la Tivoli, dopo la festa finale, non resta che attendere l’esito del sorteggio che determinerà l’ordine dei play-off che avranno inizio domenica 13 giugno.

Le gare contro Real Monterotondo Scalo ed Unipomezia si preannunciano molto equilibrate e probabilmente saranno gli episodi, alla fine, a risultare decisivi per designare le due squadre che approderanno in Serie D.