Tim Cup: il Trastevere si arrende alla Reggiana, due a uno per gli emiliani

Simone Capone 30 luglio 2017 Commenti disabilitati su Tim Cup: il Trastevere si arrende alla Reggiana, due a uno per gli emiliani
Tim Cup: il Trastevere si arrende alla Reggiana, due a uno per gli emiliani

youtube
please specify correct url

 

TRASTEVERE – REGGIANA 1 – 2

Trastevere: Sottoriva, Cotani, Vendetti, Fatati, Martorelli, Sfanò, Riccucci (38’st Calcagni), Mastromattei, Bernardotto, Neri (22’st Panico), Lorusso (34’st Scicchitano) A disp.: Caruso, Giannone, Chiti, Vecchiotti, Pucino, Scaglietta  All.: Gardini

Reggiana: Facchin, Spanò, Genevier, Bovo, Cianci (29’pt Falcone), Cesarini, Bobb, Sabotic, Rosso (42’st Lombardo), Panizzi (40’st Manfrin), Ghiringhelli  A disp.: Viola, , Vernocchi, , Rocco, , Rozio, Narduzzo, Montipò  All.: Menichini

Arbitro: D’Apice di Arezzo

Assistenti: Bercigli di Valdarno e Li Volsi di Firenze

Marcatori: 5’pt Cesarini, 1’st Sfanò, 26’st aut. Martorelli

Note: ammonito Genevier; recupero 0’ e 3’

Un buon Trastevere esce a testa alta dal primo turno prelimnare della Tim Cup al cospetto della Reggiana.

Partenza arrembante del Trastevere nei primi minuti, ma gli emiliani passano al primo affondo: il pressing di Panizzi mette in difficoltà il palleggio trasteverino, Cesarini prende la mira dal vertice dell’area di rigore e scarica in rete il magnifico goal del vantaggio.

La reazione amaranto è affidata ad una punizione dalla distanza di Mastromattei, pallone fuori bersaglio.

Ancora Trastevere al 13’, sugli sviluppi di un corner: Bernardotto arpiona la sfera sul secondo palo, la difende si gira e prova un tracciante che taglia a fette l’area di rigore senza trovare alcuna deviazione dei compagni.

Dopo 20’ di tatticismi è la formazione di Gardini a rompere l’equilibrio con una punizione dai 20 metri di Mastromattei, soluzione potente ma fuori misura.

Il primo tempo si conclude sull’uno a zero, un punteggio destinato a perdurare per poco:  bastano 70 secondi ai trasteverini per agguantare il pareggio, Riccucci ispira dalla bandierina e Sfanò punisce Facchin reo di un’uscita sciagurata.

È un buon momento per il Trastevere, che abbozza la reazione emiliana e sfiora il vantaggio su punizione con Fatati, che conclude alto al 6’.

Al 13’ si fa rivedere la Reggiana, Cesarini stacca di testa ma Sottoriva si oppone, sul successivo corner Rosso si divora un gol facilissimo di testa.

Al 17’ ancora decisivo Sottoriva, la difesa di casa si addormenta e Cesarini tenta il jolly da fuori, Sottoriva è splendido in tuffo con la mano di richiamo.

La gara prende vivacità, il Trastevere risponde con Lorusso per Bernardotto, buon lavoro del puntero di casa che però si fa anticipare all’ultimo.

Nel momento migliore del Trastevere, la Reggiana però trova il gol decisivo: al 28’ Bovo ruba il tempo alla difesa, mette in area dove Cesarini in spaccata, con probabile deviazione di Martorelli, sigla il gol del vantaggio emiliano.

L’occasione per il 2 – 2 capita sui piedi di Bernardotto, che però si vede il pallone deviato a due passi dalla porta da un eroico difensore ospite, tutto ciò al 37’.

Sarà l’ultima occasione dell’incontro, che premia dunque la squadra di Menichini.