“Seconda Giornata della Salute”: spunti e tematiche del convegno di sabato scorso ad Acilia

Andrea Dirix 2 dicembre 2019 Commenti disabilitati su “Seconda Giornata della Salute”: spunti e tematiche del convegno di sabato scorso ad Acilia
“Seconda Giornata della Salute”: spunti e tematiche del convegno di sabato scorso ad Acilia

A cura di Giorgio Attolico

 

 

Sabato 30 novembre 2019, al Centro Sportivo “Le Cupole”, ad Acilia, ha avuto luogo la seconda “Giornata della Salute”, convegno organizzato dal Polo della Salute, in testa il Presidente de “Le Cupole” Maurizio Perazzolo in collaborazione con Flaminia Pastori, Coordinatore Nazionale del Polo della Salute e Gerardo Ruberto, Presidente dell’Associazione Nazionale Polo della Salute.

Numerose e di alto profilo le presenze alla manifestazione, tra queste  l’Assessore allo Sport del X Municipio di Roma Capitale Silvana Denicolò, la Dott.ssa Debora Giannini, endocrinologa, la Dott.ssa Cristiana Marconi, nutrizionista, la Dott.ssa  Nicolina Di Biase, diabetologa ed endocrinologa presso l’Ospedale S.Pietro, Paolo Pizzo, schermidore che ha preso parte alle ultime due Olimpiadi di Londra e Rio de Janeiro nonché Alessandro Viligiardi, ginnasta che ha partecipato alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992.

Il dibattito è iniziato con l’intervento del Coordinatore Nazionale del Polo della Salute Flaminia Pastori che ha evidenziato il fatto che fare sport aiuta a prevenire il diabete che è una malattia in crescita.

E’ impossibile guarire da questa malattia ma si può combatterla.

Successivamente, ha preso la parola la Dot.ssa Debora Giannini che ha messo in rilievo il fatto che bisogna informarsi in modo accurato sul diabete attraverso un’analisi unica per vedere il tasso di glicemia.

Per prevenire il diabete, è importante controllare la pressione e la glicemia nonché fare una dieta equilibrata perché un tasso alto di glicemia può generare malattie cardiovascolari che sono la prima causa di morte più dei tumori.

E’ importante attuare strategie di prevenzione tra cui il monitoraggio del colesterolo, della vista e fare un elettrocardiogramma.

Poco dopo, è intervenuto il Presidente dell’Associazione Nazionale del Polo della Salute Gerardo Ruberto che ha parlato dell’importanza di fare movimento per combattere la sedentarietà.

Il diabete è in crescita ma si può contrastare muovendosi e mangiando bene ed anche Ippocrate, nell’antichità, parlò di prevenzione.

Per combattere questa malattia, è fondamentale fare attività fisica, esercizio fisico e saper dosare il farmaco naturale.

Inoltre, è importante preparare gli specialisti del futuro per prevenire il diabete. Successivamente, è intervenuta la Dott.ssa Cristiana Marconi, nutrizionista che ha evidenziato il fatto che l’indice glicemico può essere influenzato da tanti fattori.

E’ importante fare una dieta equilibrata e limitare gli zuccheri.

Il paziente che soffre di diabete deve stare molto attento all’alimentazione che deve essere a basso indice glicemico.

Poco dopo, ha ripreso la parola Flaminia Pastori che ha sottolineato il fatto che le donne in gravidanza devono avere una corretta alimentazione.

In seguito, è intervenuta la Dott.ssa Nicolina Di Biase che ha messo in evidenza che lo sport è fondamentale sia per prevenire che per combattere il diabete.

Inoltre, perdere peso fa diminuire il rischio di morte. In chiusura del suo intervento, ha messo in rilievo gli sport consigliati per i diabetici che sono quelli aerobici: marcia, corsa a ritmo lento, ciclismo, ginnastica, nuoto e danza mentre non sono consigliati gli sport di combattimento, sollevamento pesi, sport anaerobici puri e sport a livello agonistico.

Alla fine, per prevenire il diabete e l’obesità, è fondamentale fare attività fisica.

In chiusura del convegno anche Paolo Pizzo, schermidore, ha sottolineato il fatto che è necessario cambiare mentalità alle persone per migliorare la salute.

E’ stato un bellissimo convegno, organizzato dal Polo della Salute, che ha voluto sottolineare non solo la prevenzione contro il diabete ma anche il fatto che si può combattere questa malattia attraverso l’attività fisica ed il movimento con una dieta equilibrata.

 

 

 

 

banner 6.0 orizz