Real Monterotondo Scalo, Paris: «La prima vittoria era nell’aria, ora sotto con il Muravera. Faccio i complimenti al mio predecessore»

Mattia Monti 26 Novembre 2021 Commenti disabilitati su Real Monterotondo Scalo, Paris: «La prima vittoria era nell’aria, ora sotto con il Muravera. Faccio i complimenti al mio predecessore»
Real Monterotondo Scalo, Paris: «La prima vittoria era nell’aria, ora sotto con il Muravera. Faccio i complimenti al mio predecessore»

Il Real Monterotondo Scalo si sblocca e finalmente centra la prima vittoria in campionato abbandonando l’ultima posizione in classifica. Il successo per 3-0 contro l’Atletico Uri di domenica scorsa fa ben sperare in vista del prosieguo del campionato e del prossimo impegno, quello di domenica sul campo del Muravera.

Il tecnico Fabrizio Paris è intervenuto ai microfoni di Sport In Oro, queste le sue parole: «Sono molto contento della vittoria dello scorso turno. Avevamo già fatto altre tre ottime prestazioni. Abbiamo pareggiato ad Arzachena che secondo me è una tra le più forti. Contro il Latte Dolce in casa abbiamo perso ma possiamo recriminare per un arbitraggio discutibile e meritavamo anche più del pari. Poi contro il Team Nuova Florida siamo stati in partita fino alla fine in un campo impraticabile. Domenica è stata una partita perfetta sotto ogni punto di vista, la vittoria era nell’aria».

Ora arriva la trasferta contro il Muravera. Cosa si aspetta?

«Sentivo dei giocatori che la conoscono bene, e dicono tutti che ha un organico da playoff. Alcune partite le ha toppate ma erano partiti forti. In questo girone ci sono compagini di tutto rispetto, è molto impegnativo. Andiamo a giocare in un campo difficile, gli sforzi per affrontare una trasferta in Sardegna sono tanti».

Da quando è arrivato sulla panchina del Real Monterotondo Scalo, cosa hai portato in più?

«Non ho portato nulla in più, ho trovato una squadra ben allenata da Attilio Gregori. Ho notato che prendevano tanti gol, quindi ho compattato il reparto e cambiato qualcosina in difesa. La maggior parte del lavoro è stato fatto dal mio predecessore, io ho fatto il minimo. Erano già messi bene e lavoravano molto, ho ringraziato Gregori per questo».

In virtù della recente vittoria, avete fatto dei ragionamenti più concreti in ottica salvezza?

«La classifica si è accorciata tanto, siamo lì. Vogliamo fortemente intervenire sul mercato e provare a rinforzare la rosa».