Ladispoli, via al nuovo progetto tecnico: le parole di commiato di Bertino e Travaglini

Andrea Dirix 12 giugno 2019 0
Ladispoli, via al nuovo progetto tecnico: le parole di commiato di Bertino e Travaglini

Com’è noto, con l’arrivo di mister Zeoli il Ladispoli volterà pagina e si accomiaterà da numerosi dei protagonisti della splendida stagione 2017/18, culminata con il ritorno in Serie D, e della successiva salvezza di poche settimane fa.

Tra i grandi protagonisti delle recenti annate in casa rossoblù Antonello Bertino e Filippo Travaglini hanno voluto accomiatarsi dal club del presidente Umberto Paris con un breve ricordo di queste stagioni indimenticabili.

Il primo a parlare è Bertino, esterno che con le sue giocate ha spesso fatto impazzire i tifosi tirrenici.

“A Ladispoli ho vissuto quattro anni bellissimi con il coronamento di una vittoria ai play-off nazionali, e la conseguente promozione in Serie D della scorsa stagione, e con la salvezza diretta e la  permanenza in categoria di questa stagione – ricorda con un velo di commozione il giocatore – Non dimentico neppure i festeggiamenti legati alle 100 presenze con la stessa maglia, un traguardo che credo in pochi riescano a tagliare.

Di episodi particolari potrei raccontarne tantissimi

Forse il più bello è stata la sera prima del match di ritorno della finale play off con il Villafranca.

Durante la notte non sono praticamente riuscito a dormire, tanto forte era l’emozione…(ride)”.

Un rapporto intenso e che si chiude per un semplice motivo.

Antonello Bertino

Antonello Bertino

“Dopo quattro anni avevo bisogno di nuovi stimoli e così, d’accordo con la società, abbiamo maturato la decisione di salutarci – spiega Bertino – Per quanto riguarda il futuro, ho già ricevuto qualche proposta dalla Serie D e dall’Eccellenza e le valuterò tutte con attenzione.

La mia preferenza andrebbe alla Serie D, categoria nella quale ho giocato per diversi anni, l’importante è che ci sia un progetto importante.

Chiudo salutando tutti, dalla società ai compagni.

In particolare, saluto il prof. Roberto Masiello, una persona fantastica alla quale voglio molto bene”.

Saluta anche Filippo Travaglini, altro beniamino del pubblico del Martini Marescotti prima e dell’Angelo Sale poi.

L’ultima stagione per questo portiere dal notevole talento non è stata semplice per vari motivi.

“Mi limiterò a ricordare i momenti che nessuno potrà mai cancellare – ricorda Travaglini – Sarebbe impossibile non partire dalla vittoria de campionato, siamo riusciti in qualcosa che non a tutti riesce, ovvero vincere la fase nazionale dei play off.

L’abbiamo fatto e l’ho fatto da protagonista insieme ai miei compagni che porterò sempre nel cuore.

A loro devo tanto e a loro spero di aver lasciato più di qualcosa.

Spero che quando penseranno al sottoscritto avranno solo pensieri positivi e di gioia, perché siamo stati un gruppo di vincenti”.

Per l’estremo difensore già apprezzato in precedenza con la maglia dell’Ostiamare adesso si aprirà un nuovo capitolo professionale.

Filippo Travaglini

Filippo Travaglini

Per quanto riguarda le mie ambizioni, mi considero un ragazzo che ama lavorare con professionalità e serietà, per questo non mi pongo limiti di categorie – prosegue Travaglini – Ovvio che un progetto vincente ed avvincente sarebbe molto più gradito, così come essere contraccambiato da serietà e professionalità.

Sarebbe bello poter affrontare di nuovo la Serie D dopo averla conquistata due anni fa e non averla purtroppo giocata per ragioni che vanno al di là del tasso tecnico ma, come già detto, non guardo alla categoria, ma ai sentimenti, alla serietà ed alla voglia di vincere.

Vorrei inviare un grazie grande come l’Italia che abbiamo dominato l’anno scorso ai miei compagni.

Grazie ragazzi, siamo entrati nella storia della società”.

La chiusura non può che avere un destinatario speciale.

“Vorrei dedicare un pensiero alla mia mamma che sento ogni giorno vicina a me.

Forse questo addio fa ancora più male perché gli spalti dell’Angelo Sale sono stati gli ultimi che ti hanno vista presente fisicamente, ma alla fine so che sarai sempre lì…

Ed io sarò sempre lì a guardarti”.

 

 

 

 

banner apple