IL CIVITAVECCHIA FERMA LA LUPA FRASCATI

redazione 11 marzo 2013 Commenti disabilitati su IL CIVITAVECCHIA FERMA LA LUPA FRASCATI

I neraozzurri bloccano sul 2-2 all’ “Otto settembre” i castellani al termine di una gara molto combattuta. La squadra di Ferretti, dopo questo risultato, mantiene da quasi quattro mesi l’imbattibilità esterna.

LUPA FRASCATI-CIVITAVECCHIA 2-2

Lupa Frascati: Santarelli, Sbardella, Celli, Cerrai, Scardola, Paolacci, Masciantonio (61’Scibilia), Raffaello, Pippi, Artistico (53’Chiesa), Leccese. A disp.:Di Loreto, Sbraglia, Pingue, Thaqi, Merlonghi. All.:Venturi.

Civitavecchia: Boccolini, Orilia (55’Ippoliti), Ferretti F., Longo M., Cavaliere, Piscopo, Piciollo, Severini, Di Giacomo (65’Ciafrei), Bertino (49’Di Crescenzo), Spina. A disp.:Longo R., Cirinnà, Brutti, Cristofaro. All.:Ferretti S.

Arbitro: Meraviglia di Pistoia

Ass.arb.li: Cascone e Lombardi di Castellammare di Stabia.

Marcatori: 11’Artistico (LF), 17’Di Giacomo su rigore (C), 31’Piciollo (C), 66’Leccese.

Note: Ammoniti:Pippi (LF), Piscopo (C), Sbardella (LF), Severini (C) e Scardola (LF). Calci d’angolo:13-2 per la Lupa Frascati. Recupero:1’pt e 4’st. Giornata di sole, temperatura primaverile.

Il Civitavecchia ferma sul 2-2 all’ “Otto settembre” la Lupa Frascati che ha attaccato per tutto il secondo tempo dopo aver chiuso, sotto di un goal, la prima frazione di gioco. La squadra di Gregori, assente per squalifica e sostituito da Venturi, si presenta con un 4-4-2 con Pippi e Leccese in attacco ma anche i neroazzurri, in emergenza totale a causa delle numerose assenze, rispondono con lo stesso modulo con Piciollo e Di Giacomo in fase offensiva. Dirige l’incontro Meraviglia di Pistoia, buona la sua direzione in una giornata primaverile. Ad inizio gara, parte meglio la Lupa Frascati che passa in vantaggio all’11: sul cross dal versante destro di Sbardella, tra i migliori dei castellani con Artistico e Chiesa, Artistico, indisturbato, svetta molto bene a centro area e trafigge l’incolpevole Boccolini con il pallone che termina in rete all’angolino alto alla sua destra. Il Civitavecchia non ci sta e reagisce prontamente: sul calcio di punizione di Severini, Pippi colpisce di mano in barriera il pallone e per l’arbitro Meraviglia, è calcio di rigore con la successiva ammonizione del “bomber” della Lupa Frascati. Dal dischetto, Di Giacomo spiazza Santarelli, al suo esordio con i castellani,  con il pallone che termina in rete alla sua destra. I padroni di casa, sull’1-1, si smarriscono mentre il Civitavecchia cresce ed al 31′, passa in vantaggio: sugli sviluppi di un calcio di punizione a due: Ferretti F. tocca per Longo M., tra i migliori dei neroazzurri con Piciollo e Severini, che conclude sulla barriera, ma il pallone dopo un rimpallo, termina sui piedi di Piciollo che non ha difficoltà a battere da corta distanza l’incolpevole Santarelli. Nella ripresa, i padroni di casa premono fin dall’inizio mentre il Civitavecchia è molto arroccato in difesa. Dopo esser andato vicino al pareggio in diverse occasioni sia per l’imprecisione in fase offensiva che per i buoni interventi di Boccolini, la squadra di Ferretti reclama un rigore al quarto d’ora per un tocco di mano di Sbardella sull’assist di Piciollo ma il direttore di gara concede solo il calcio di punizione agli ospiti ma rimangono molti dubbi. Cinque minuti dopo, Boccolini, dopo aver salvato il 2-2 sul colpo di testa di Pippi, compie l’unico errore della partita un minuto dopo quando arriva il pari meritato della Lupa Frascati: sul cross dalla destra di Sbardella, il portiere del Civitavecchia sbaglia l’uscita consentendo a Leccese di insaccare di testa. Sul 2-2, il “forcing” dei padroni di casa è meno vistoso rispetto all’inizio del secondo tempo ma al 25′ sciupano un “match-ball”: sul calcio di punizione di Raffaello, Chiesa, subentrato nella ripresa ad Artitico, effettua un lancio filtrante per Cerrai che manda alto da “due passi”. Poco dopo, ci prova Pippi di testa sul lancio di Sbardella dalla destra ma il pallone termina alto di poco. I padroni di casa cercano i tre punti fino alla fine ma non ono lucidi in fae offensiva ed al triplice fischio di Meraviglia, dopo quattro minuti di recupero, il Civitavecchia di Ferretti esulta per l’ottimo risultato conquistato che le dà morale in vita del finale di stagione e le consente di mantenere l’imbattibilità esterna che dura da quasi quattro mesi mentre per la Lupa Frascati, è un momento “delicato” dato che ha raccolto un solo punto nelle ultime due partite ed ora diventa sempre più difficile ambire a lottare per il titolo…

Giorgio Attolico