Ge.Si.S Lazio, la lettera aperta a Sindaco e Istituzioni

Simone Capone 31 ottobre 2019 Commenti disabilitati su Ge.Si.S Lazio, la lettera aperta a Sindaco e Istituzioni
Ge.Si.S Lazio, la lettera aperta a Sindaco e Istituzioni

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta della Ge.Si.S. Lazio, indirizzata a Sindaco e Istituzioni:

GLI IMPIANTI SPORTIVI DELLA CAPITALE SONO ALLO STREMO DELLE FORZE

L’ Associazione di Categoria degli Impianti Sportivi , presente sul territorio e promotrice con l’ attuale amministrazione della stesura del nuovo Regolamento comunale , basato sulle nuove normative previste dal D. Lgs. N. 50/2016 e ss.mm.ii. ,

richiede all’ Amministrazione Comunale  in rappresentanza dei Concessionari degli Impianti Sportivi di Roma Capitale  , di conoscere le autorizzazioni concesse per  lavori di manutenzione straordinaria e la situazione generale delle procedure di adeguamento delle concessioni (art. 22 Norme transitorie) con interesse a quelle oggettivamente definite dal 2015 ad oggi.

Tale istanza deriva da un malessere sempre più diffuso tra i concessionari , che hanno investito ingenti capitali sul patrimonio comunale , senza ancora ottenere secondo le normative vigenti  un riconoscimento da parte dell’ Amministrazione comunale.

Riceviamo note con le quali , si rigetta qualunque forma di dialogo ed incontro risolutivo  finalizzato al rispetto contrattuale  tra le parti, imponendo uno scarso lasso di tempo ai concessionari per integrare eventuali documenti mentre si lascia passare mesi , anni per rispondere agli stessi, che vivono  questo stato di IMMOBILISMO caratterizzato  da incertezze e continue difficoltà gestionali.

Questa divenuta . una situazione pericolosa per la SICUREZZA degli impianti e UMILIANTE per chi ha creduto nell’Amministrazione della sua CITTA’!!!!

Pertanto il Concessionario vede trascorrere inesorabilmente il  tempo, che viene prevalentemente utilizzato per produrre documenti e ancora documenti per poi vedersi la propria concessione esaurirsi ed egli stesso “additato” come abusivo occupatore dell’impianto !

TUTTO CIO’ E’ PARADOSSALE ED INACCETTABILE !!

Si era parlato un tempo , di instaurare un rapporto tra l’ amministrazione e i concessionari basato sul confronto e sulla collaborazione, un intenzione intelligente e costruttiva utile allo sviluppo equilibrato e sano degli Impianti Sportivi Comunali, che però è stato pienamente disatteso dagli stessi Uffici Preposti.

Molti cambiamenti si sono susseguiti all’interno del Dipartimento Sport con l’ avvento di nuovi Dirigenti, che ognuno con le sue competenze e direttive ha condotto le procedure in direzioni diverse tra loro(  dimostrato dagli atti in nostro possesso a firma di dirigenti diversi su identiche questioni) , comportando costi e impegni costanti ai Concessionari , che ad oggi pur rispettando ogni cambiamento  combinato dall’attuale dirigenza sono giunti allo stremo, senza ancora avere ricevuto una

risposta , che testimoni con il riconoscimento dovuto, questo importante lavoro sociale, sportivo  e patrimoniale a beneficio dell’intera Comunità.

Pertanto ove ci fossero sfuggite nuove informative in merito, ci limitiamo per ora a richiedere quanto sopra evidenziato.

Nella speranza di ricevere un Vostro riscontro in merito , la GE.SI.S Lazio si riserva di comunicare  ogni vostra risposta o non ai Concessionari e ai Cittadini , i quali hanno il diritto di conoscere ogni considerazione o azione rivolta ad un rapporto contrattuale di natura pubblica, disciplinato da più parti con entrambe l’obbligo del rispetto delle leggi vigenti .

Cordiali Saluti

Il Presidente

Dott. Fabio Eleuteri