ECCELLENZA: VERSO MONTEROTONDO-GUIDONIA, LA VOCE DI ALCUNI PROTAGONISTI

redazione 18 aprile 2013 Commenti disabilitati su ECCELLENZA: VERSO MONTEROTONDO-GUIDONIA, LA VOCE DI ALCUNI PROTAGONISTI
ECCELLENZA: VERSO MONTEROTONDO-GUIDONIA, LA VOCE DI ALCUNI PROTAGONISTI

Una partita che scalda i cuori e mette in palio 3 punti importantissimi per chiudere la rincorsa alla salvezza nel girone A tanto per il Monterotondo quanto per il Guidonia di mister Romolo Santolamazza, che va in trasferta con tante defezioni ma la necessità assoluta di fare risultato. Noi abbiamo sentito al riguardo la punta Gatta e il centrocampista Nathan Schiavon (Monterotondo) oltre all’Allenatore del Guidonia Santolamazza e Ognibene, che nel derby indosserà la fascia di capitano al posto dello squalificato Fabrizio Borghi.

A cura di Giovanni Crocè

Guidonia penultimo nel gruppo A, con il tecnico e 4 calciatori della propria rosa appiedati e squalificati dal giudice sportivo che non potranno partecipare a quello che di fatto sostanzialmente è un derby, contro il Monterotondo (12ma posizione, 37 punti, 14 in più del Guidonia, che pure ha vinto all’andata 2-1) che gioca in casa questo scontro chiave per garantirsi la permanenzo nel massimo campionato calcistico regionale e non ha problemi di formazione nel momento in cui scriviamo, eccezion fatta per il centrocampista Jody Fiorentini, anche lui squalificato. I dati propendono per un Everest ciclopico da scalare per il Guidonia di Romolo Santolamazza, ma dalle parole di alcuni dei protagonisti, 2 per parte, abbiamo cercato di capire se davvero gli umori delle due compagini sono questi.

QUI CITTA’ DI MONTEROTONDO: DA GATTA E SCHIAVON TANTA VOGLIA DI VINCERE PER CHIUDERE IL DISCORSO SALVEZZA

MATTEO GATTA (ATTACCANTE CITTA’ DI MONTEROTONDO, 9 RETI IN CAMPIONATO)

L'attaccante del Città di Monterotondo, Matteo Gatta, classe 1987.

L’attaccante del Città di Monterotondo, Matteo Gatta, classe 1987, ex Tor Tre Teste, 9 gol finora in campionato.

Dobbiamo approfittare del fatto che loro verranno a farci visita in formazione ampiamente rimaneggiata e fare in modo di vincere perchè devo ammettere che se scorrete il calendario nostro e loro, il nostro è più agevole almeno in teoria quindi facciamo in modo di far valere il fattore campo e facciamo tutto ciò che possiamo per non arrivare agli ultimissimi turni con il fiatone perchè se fossimo in quella condizione all’ultima giornata ad esempio può succedere di tutto. Noi cercheremo di fare la partita e puntiamo sull’aiuto del pubblico. Io ho fatto tanti campionati di eccellenza o serie D con Tor Tre Teste e Civitavecchia ma essere qua  a lottare per la salvezza della squadra della mia città visto che sono di Monterotondo, ha un sapore speciale. Ora sono a 9 gol in campionato nonostante qualche infortunio di troppo, il mio sogno è arrivare a 15 reti da qua alla fine e fare in modo che siano utili per salvarci presto. A loro toglierei Pangrazi, che è attaccante di qualità e mi sembra il loro calciatore più pericoloso, è l’elemento più in vista della loro rosa, ma sono contento di ritrovarlo in campo domenica.

NATHAN SCHIAVON (CENTROCAMPISTA CITTA’ DI MONTEROTONDO, OLTRE 400 PRESENZE DA PROFESSIONISTA, NELLA FOTO)

schiavon

Il centrocampista Nathan Schiavon, scuola Milan, è nato a Varese nel 1975. Giocherà da titolare con la maglia del Monterotondo il derby di domenica contro il Guidonia di Romolo Santolamazza

 

 A quasi 38 anni di derby ne ho giocati tantissimi anche nella ex C1 o C2, ricordo di aver    realizzato l’1-1 di testa in tuffo a volo d’angelo in un Prato-Pistoiese del ’97\98, e di aver disputato  stracittadine “infiammabili” anche quando ero in Sicilia nel 2001 contro il Catania, quando giocavo per l’Atletico Catania. Ora torno a riprovare la responsabilità di una stracittadina che per la classifica ci vede favoriti ma ho già detto a tutti i miei compagni che queste sono partite a parte. Sarebbe bello fare gol ma l’importante per me è vincere in ogni modo, questa di domenica è la gara chiave per noi e per loro, sarà battaglia, sportivamente parlando. Tra l’altro questa estate mi sono allenato con loro (col Guidonia) poi mister Romolo Santolamazza decise che non avevano bisogno del mio apporto, quindi personalmente ho un motivo in più per batterli, per dimostrare che anche alla mia età posso essere utile alla causa. Possiamo farcela, ma è gara incerta.

QUI GUIDONIA: MISTER SANTOLAMAZZA E GABRIELE OGNIBENE PREDICANO CAUTELA, MA INVITANO A TENTARE IL TUTTO PER TUTTO

GABRIELE OGNIBENE (CENTROCAMPISTA GUIDONIA)

Per l’occasione sarò capitano domenica nel derby contro il Monterotondo, ma onestamente l’assenza di Borghi, nostro capitano abituale, così come quella degli altri tre squalificati (i centrali difensivi titolari Sbraglia e Brunetti e l’attaccante Teti) oltre al fatto di giocare fuori casa, ci mettono in posizione critica. Peggio di così come premesse non potevamo avere per affrontare un match che vale una stagione. Siamo sotto di loro di diversi punti, e tra le poche cose che ci danno forza c’è la voglia di mostrare che anche se all’andata eravamo un’altra squadra, li abbiamo già battuti e possiamo provare a portare via 1 punto o anche fare il colpo in trasferta. Puntiamo alla partita perfetta, quella dove tutti danno qualcosa in più e sorprendono l’avversario. Sarà importante non prendere gol e stare bene in campo, reattivi. E’ un’annata storta ma se vincessimo domenica, credetemi, un colpo del genere entrerebbe di diritto nella mia hit parade delle vittorie più belle, perchè mai avevo vissuto una partita preparata in modo tanto travagliato: siamo letteralmente con gli uomini contati.

santolamazza

L’Allenatore del Guidonia, Romolo Santolamazza

ROMOLO SANTOLAMAZZA (ALLENATORE GUIDONIA) 

La partita può essere vinta, io vedo, se tutto andrà benissimo per noi, che partiamo però nettamente sfavoriti per una serie di fattori, una vittoria nostra in trasferta per 0-1. Ma dovremo essere i più belli di tutta la stagione, non sbagliare nulla e dare tutto ciò che abbiamo. Posso già annunciare che la nostra coppia centrale di difesa, gli stopper, saranno due calciatori della nostra formazione Juniores Regionale B che saranno all’esordio assoluto in categoria. Non dico i nomi perchè ne sto seguendo più di due, ma loro lo sanno già anche perchè non ne abbiamo altri dopo le squalifiche di Sbraglia e Brunetti e le partenze susseguenti alla sessione di calciomercato, sapevamo di avere la panchina un po’ corta e 4 squalificati sono pesanti per tutti. Un derby da giocare in più anche senza Teti, capitan Fabrizio Borghi, gli arbitri ci hanno massacrato a torto o a ragione però mi arrabbierò molto se vedessi rassegnazione negli occhi dei miei. Gli alibi valgono fino a un certo punto, possiamo portare a casa il pareggio, oltre alla vittoria, per poi recuperare uomini importanti e giocare ancora meglio nelle partite che resteranno. Il capitano sarà Ognibene, uomo tra i più esperti di una rosa giovane e sì, anche io mi aspetto molto dal rientro dal primo minuto in campo di Pangrazi, può e deve essere quello che segni i gol che ci tolgano le proverbiali “castagne dal fuoco”, gioca da punta per questo e ha qualità. Se rivorrei in questo momento Schiavon in rosa da noi ora? Ha provato con noi e tutti sanno che è un ottimo professionista, il problema è che questa estate eravamo tutta un’altra formazione, con un organico più ricco anche numericamente e lui sarebbe stato chiuso da altri calciatori che ora non ci sono più, ora farebbe comodo eccome, ma ho pieno rispetto e stima di chi dovrà giocare e lottare per il Guidonia domenica, penso solo ai miei giocatori e a caricarli al massimo.