Belfiori al 94′ fa esplodere il Campo ‘Roma’: il Grifone Gialloverde vince 2-1 e inguaia la Cavese

Riccardo Selvi 17 marzo 2019 Commenti disabilitati su Belfiori al 94′ fa esplodere il Campo ‘Roma’: il Grifone Gialloverde vince 2-1 e inguaia la Cavese
Belfiori al 94′ fa esplodere il Campo ‘Roma’: il Grifone Gialloverde vince 2-1 e inguaia la Cavese

Grifone Gialloverde-Cavese 2-1

Marcatori: 61’ Gori (C), 80’, 90’+4’ Belfiori (G)

 

GRIFONE GIALLOVERDE: Pensa, D’Acunzo, Proietti, Mancini, Busti (dal 71’Marra), Moscetta (dal 53’Costalunga), Dan Almajiri, Corradini (dal 75’ Belfiori), Cacchioni (dal 78’ Corrias), Manganelli, Deirossi (dal 71’Abruzzetti).

A disp.: Lori, Capra, Sperati, Ladogana.

Allenatore: Gianluca Berruti.

 

CAVESE: Provaroni, Pepe, Losi, Desideri (dal 78’ Bellistri), Mastrogiovanni, Remia, Gennari (dal 78’ Ortiz), Barbusca, Ronci (dal 46’ Carruolo), Gori, Arcaleni (dal 46’Taviani).

A disp.: D’Aniello, Migliore, Renzoni, Altamura, Galvanin.

Allenatore: Carlo Galvanin.

 

Arbitro: Gerardo Simone Caruso (Viterbo)

Assistenti: Andrea Iacobucci (Ciampino) e Angelo Spoletini (Rieti).

 

NOTE: Ammoniti: 18’ Gennari (C), 19’ Dan Almajiri (G), 25’ Mastrogiovanni (C) e Moscetta (G), 69’ Proietti (G), 86’ Capra (G). Espulsi: 82’ Mastrogiovanni (C) per doppia ammonizione.

Angoli: 3-6

Recupero: 2’ pt, 6’ st.

 

Al Campo ‘Roma’, Grifone Gialloverde e Cavese si sfidano nella 27esima giornata in quello che è a tutti gli effetti uno spareggio per non retrocedere.

Berruti sceglie il 4-3-3 con Dan Almajiri e Deirossi ai lati di Cacchioni, mentre Galvanin dalla parte opposta orfano di Giacchè, affida a Gori tutto il peso dell’attacco.

Dopo un’iniziale fase di studio con le squadre bloccate dalla pressione di una posta in palio importantissima la Cavese prende il centro del ring. All’11’ Losi scappa sulla fascia, supera con un pallonetto Pensa ma da posizione defilata non riesce a spingere in porta il pallone che attraversa tutta la linea di porta e viene liberato dalla difesa gialloverde. Passano 10’ e gli ospiti hanno un’altra clamorosa doppia occasione per il vantaggio: Mastrogiovanni pennella un calcio di punizione destinato all’incrocio dei pali, Pensa si salva con l’aiuto della traversa e sulla respinta è miracoloso sul tentativo di tap-in di Ronci. Il pallone termina in calcio d’angolo e sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Remia stacca di testa e insacca, ma Caruso annulla per un sospetto fallo in attacco del difensore biancoceleste.

La risposta dei padroni di casa arriva al 35’: Manganelli pennella in profondità per Deirossi, che dal vertice dell’area rientra sul destro e scarica il tiro a giro sul secondo palo, con il pallone che colpisce in pieno il montante e Provaroni fortunato a ritrovarselo tra le braccia sulla respinta. Passano 3’ e Busti cerca gloria dalla distanza su punizione, ma la sua traiettoria è troppo centrale.

Nel finale Gori cerca di mettersi in proprio con una percussione in area ma il suo tiro da posizione favorevole viene rimpallato in qualche modo e si va così al riposo sullo 0-0 al termine di un primo tempo senza gol, ma non senza emozioni.

La ripresa si apre con Carruolo e Taviani per Ronci e Arcaleni negli ospiti e con Remia che si vede annullare il secondo gol di giornata per fuorigioco su tiro deviato di Mastrogiovanni. I biancocelesti sembrano avere qualcosa in più e al 52’ si ripresentano al tiro col solito Gori che semina il panico sulla sinistra ma si vede respingere la conclusione in diagonale dall’attento Pensa. Sempre il numero dieci ospite ci riprova 5’ più tardi, questa volta senza inquadrare lo specchio.

Il gol però è nell’aria e dopo una conclusione centrale dal limite di Cacchioni, al 61’ il miglioere dei biancocelesti Gori trova la deviazione vincente in piena area e fredda Pensa per lo 0-1.

La Cavese, dopo una buona gestione complessiva si abbassa troppo nel finale e a 10’ dalla fine subisce il pareggio: il neoentrato Marra fugge sulla sinistra e crossa al centro per l’accorrente Belfiori, anche lui entrato nella ripresa, che tutto solo sul secondo palo fa 1-1. I biancocelesti accusano il colpo e 2’ dopo aver subito il pareggio rimangono in dieci uomini a causa dell’espulsione comminata a Mastrogiovanni che già ammonito nel primo tempo stende lo scatenato Marra lanciato sulla fascia sinistra e lascia i suoi in inferiorità numerica negli ultimi otto bollenti minuti.

I padroni di casa a questo punto ci credono e cingono d’assedio il fortino di Provaroni. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Corrias va vicinissimo al 2-1 con un tocco in mischia che per poco non si insacca all’angolino, poi al 94’arriva l’episodio che decide la partita: Manganelli calcia dal limite una punizione perfetta sopra la barriera, il pallone viene toccato da Provaroni che smanaccia sulla traversa e finisce sui piedi di Belfiori che ben appostato in area spinge di testa in porta il pallone della vittoria che fa esplodere il pubblico di fede gialloverde e che decide la partita.

Tre punti di platino per i ragazzi di Berruti che vincono in rimonta allo scadere e si portano a -2 proprio dai biancocelesti. La squadra di Galvanin rischia poco o nulla per oltre tre quarti di gara, ma poi sciupa tutto nel finale e ora si complica la vita in classifica, facendosi risucchiare in zona playout.

banner appleBanner trasmissione Sport In Oro 2018-19