VERDINI: IL PRIMATO, I TIFOSI E LA MIA DEDICA SPECIALE

redazione 24 gennaio 2013 Commenti disabilitati su VERDINI: IL PRIMATO, I TIFOSI E LA MIA DEDICA SPECIALE
VERDINI: IL PRIMATO, I TIFOSI E LA MIA DEDICA SPECIALE

Due chiacchiere con il centrale difensivo della capolista Nuova Santa Maria delle Mole

di Di Ceglie Serena

VALERIO “EL COCO” VERDINI… INIZIAMO SIMPATICAMENTE! DA DOVE VIENE QUESTO SOPRANNOME?

Tutto è nato quando arrivò Lamela a Roma. Al suo esordio ero allo stadio, e appena fece goal, nell’ esultanza, i miei amici mi chiamarono “Coco”… da allora non hanno più smesso! ( ride n.d.r.) Poi dicono anche che lo ricordo fisicamente… e da romano e romanista non può che farmi piacere!

SEI COMPAGNO DI GIUFFRIDA E SO CHE ANCHE FUORI DAL CAMPO SIETE MOLTO MOLTO AMICI! COM’ E’ IL TUO RAPPORTO CON LUI?

Molto bello, nonostante ci conosciamo da poco più di un anno abbiamo la stessa confidenza di chi si conosce da anni! Abbiamo stretto moltissimo, c’è stima reciproca… e la tranquillità che abbiamo fuori si rispecchia anche in campo.

SO CHE A VOLTE SI SACRIFICA E TI SEGUE ANCHE A CONCERTI PARTICOLARI!VERDINI

Si, è un buon amico anche in questo sai? Parli sicuramente del concerto dei Negramaro dello scorso anno! Mi ha accompagnato titubante e controvoglia, è vero, ma alla fine è piaciuto anche a lui… sebbene non lo ammetterà mai!

FAI IL CALCIATORE A TEMPO PIENO?

Non solo! Faccio il commesso part time in un negozio di abbigliamento. Ho sempre abbinato il calcio al lavoro perché avendo molto tempo libero vedevo giusto, non studiando, trovarmi qualcosa da fare anche per avere un appoggio economico in più, qualcosa di tranquillo magari che mi permettesse di non togliere troppe energie al calcio ovviamente…

CHE STUDI HAI CONDOTTO?

Ho un diploma di istituto tecnico industriale, ma non l’ ho mai messo in atto lavorativamente…

MENTRE IN CAMPO…HAI DECISO TU DI FARE IL DIFENSORE? GENERLAMENTE DA BAMBINO SI SOGNA SEMPRE DI STARE AVANTI…

Sinceramente non lo ricordo più! Ho sempre giocato come centrale o come terzino al massimo… ma se devo dirti se mi hanno indicato il ruolo o meno… non lo so più!

HAI UN SOGNO NEL CASSETTO?

Arrivare a buoni livelli nel calcio, vivere di e col calcio insomma… rimane quello il sogno di sempre, la speranza non muore mai! Anche in altri settori, o nelle retrovie, come allenatore… vivo per il calcio, ci sono cresciuto, qualsiasi cosa andrebbe bene! Da qualche mese sto considerando di iniziare ad allenare i bambini parallelamente al gioco ovviamente, proprio per iniziare ad addentrarmi nel settore…

A PROPOSITO DI SOGNI, PER INIZIARE CON LE DOMANDE SERIE: QUANTO CREDETE AD OGGI NEL PRIMATO?

Molto, anche perché la  classifica parla per noi. Siamo stati costanti, nonostante tutti credevano potessimo crollare da una giornata all’ altra. La nostra forza sta nel preparare le partite singolarmente senza porci obiettivi a lungo termine e il merito è di Mister Leone che ci ha insinuato questa mentalità rivelatasi vincente! Il nostro obiettivo ad inizio campionato era la salvezza, ma ora che ci siamo ce la giochiamo!

E A PROPOSITO DI LEONE…

E’ il mio primo anno con lui e mi ci trovo davvero bene. Regala un bel calcio a chi ci segue ed insegna molto, soprattutto sotto il punto di vista comportamentale, cosa rara oggi dato che molti puntano a vincere anche giocando sporco! E’ uno carismatico che trasmette tanto, senti di dover dare il massimo…

E DELLA TUA SQUADRA? QUALI CREDI SIANO IL VOSTRO PUNTO DEBOLE E IL VOSTRO PUNTO DI FORZA?

Ma sai, siamo come un puzzle, ogni pezzo è fondamentale! Dal presidente che ci ha sempre lasciato giocare con tranquillità, al direttore sportivo che ha costruito un gruppo eccezionale, passando per il preparatore atletico… c’è grande equilibrio. Sarà bizzarro ma il nostro punto debole è anche il nostro punto di forza… la concentrazione! Nelle rare volte in cui l’ abbiamo persa abbiamo mostrato il nostro lato peggiore, viceversa abbiamo disputato le migliori gare anche sotto il punto di vista dello spettacolo…

CHI TEMI DI PIU’?

Ad oggi Fregene e Rieti, anche se l’ Albalonga con D’Este può cambiare significativamente marcia…

SIAMO QUASI AI SALUTI! DOMENICA CONTRO LA CANINESE HAI SEGNATO UN IMPORTANTISSIMO GOAL VITTORIA… HAI UNA DEDICA SPECIALE IMMAGINO…

Si, come sempre, a mio papà che come saprai non c’è più… ogni cosa che faccio ormai la dedico a lui, lo sento più vicino così! Poi ovviamente il pensiero quando esulto va a tutta la mia famiglia, alla mia ragazza alla squadra…

GRAZIE VALERIO! PER FINIRE, DOMANDA DI RITO: CHI VINCERA’ IL TUO GIRONE DI ECCELLENZA?

Io vedo in pole il Fregene, poi il Rieti. La speranza che sul podio possiamo esserci noi è viva ovviamente, ma preferisco non dirlo a voce alta, un po’ anche per scaramanzia! Se me lo permetti però, sfrutto questa occasione per ringraziare tutta la squadra per lo straordinario cammino, ma soprattutto i tifosi che sono davvero il dodicesimo in campo! Ci seguono ovunque, sono il nostro punto di VERDINI1forza… molto lo dobbiamo anche a loro!

Ed è vero, la tifoseria del Nuova Santa Maria delle Mole è sicuramente il valore aggiunto ad una squadra già vincente. Matricola terribile ha messo in difficoltà chiunque, mantenendo la vetta, giornata dopo giornata, nonostante gli esperti credevano potesse scoppiare da un momento all’ altro. Il Mourinho del Lazio ha messo su una gran bella corazzata, e Valerio Verdini è il cardine della sua difesa! Con tanta umiltà ed il vizio del goal è sicuramente pedina fondamentale in questo strepitoso campionato e dopo il giro di boa, scaramanzia a parte, possiamo certamente mettere questa Cenerentola tra le accreditate al podio…