UniPomezia, Savioli si prepara al ciclo terribile: “Pronti a giocarci una fetta di stagione”

Andrea Dirix 12 febbraio 2018 Commenti disabilitati su UniPomezia, Savioli si prepara al ciclo terribile: “Pronti a giocarci una fetta di stagione”
UniPomezia, Savioli si prepara al ciclo terribile: “Pronti a giocarci una fetta di stagione”
Soltanto un punto è stato raccolto dall’Unipomezia nella sfida del Comunale con la Valle del Tevere.
Uno 0-0 figlio di una gara nella quale i rossoblù ci hanno provato comunque di più nel corso dei 90 minuti, finendo per per sbattere sul muro issato dai reatini, che hanno dimostrato di possedere una buona organizzazione a livello tattico e valori individuali importanti.
Unipomezia che ora conta un ritardo dalla vetta (occupata ancora dalla Vis Artena) di sette punti, e i prossimi due incontri con Ladispoli e la stessa Vis Artena saranno due crocevia fondamentali.
Nel mezzo l’andata degli ottavi di finale di Coppa Italia in terra sarda per ciò che riguarda invece la fase nazionale della competizione.
Un vero e proprio tour de force da affrontare al massimo delle possibilità.
A parlare in casa pometina, dopo il pari a reti inviolate contro l’undici di Scaricamazza, è il numero uno Thomas Savioli.
“Ieri abbiamo incontrato una buonissima squadra che ha saputo chiudersi e limitare la nostra manovra offensiva.
Probabilmente noi siamo arrivati un po’ stanchi ma tutto sommato credo che in ogni caso abbiamo giocato una buona partita.
La Valle del Tevere ha mostrato compattezza e un’ottima organizzazione a livello globale, una squadra molto valida e che occupa sicuramente una posizione di classifica bugiarda.
Siamo consapevoli che avremmo potuto raccogliere di più soprattutto per rimanere incollati ai primissimi posti.
Ora ci attende un filotto molto impegnativo con le due sfide con Ladispoli e Vis Artena più la trasferta in Sardegna di Coppa.
Per il campionato non penso saranno ancora partite decisive, ma di sicuro ci giocheremo una buona fetta di stagione, dobbiamo restare uniti e soltanto con la forza del gruppo possiamo raggiungere altri importanti traguardi”.
(Ufficio Stampa UniPomezia)
Banner