SERIE D: IL SAN CESAREO SI RIPRENDE LA VETTA. LADRI IN CASA ASTREA: RINVIATA GARA COL MARINO. GIRONE E: ANCORA UN PARI PER LA VITERBESE

alfredo 28 gennaio 2013 Commenti disabilitati su SERIE D: IL SAN CESAREO SI RIPRENDE LA VETTA. LADRI IN CASA ASTREA: RINVIATA GARA COL MARINO. GIRONE E: ANCORA UN PARI PER LA VITERBESE
SERIE D: IL SAN CESAREO SI RIPRENDE LA VETTA. LADRI IN CASA ASTREA: RINVIATA GARA COL MARINO. GIRONE E: ANCORA UN PARI PER LA VITERBESE

Sembra una barzelletta ma purtroppo non è così. Astrea-Città di Marino, gara valida per la 21^ giornata del girone F di serie D, non si è giocata, rinviata a data da destinarsi, perché lo stadio di Casal del Marmo è stato preso di mira, nella notte tra sabato e domenica, da alcuni ignoti che vi hanno fatto irruzione sottraendo targhe, coppe e soprattutto materiale elettrico da cui ricavare rame. Da sottolineare che i ladri si sono intrufolati in casa dell’Astrea, che come sappiamo è la squadra della Polizia Penitenziaria e dove, a pochi metri dall’impianto sportivo romano, è situato il carcere minorile. I danni sono ingenti: fuori uso spogliatoi e impianto di illuminazione, che non ha consentito il regolare svolgimento della gara, inducendo la terna arbitrale a decidere per il rinvio. Sul campo da registrare l’inattesa sconfitta della Sambenedettese che è caduta sul terreno della Renato Curi Angolana per due “papere” del portiere Barbetta. Il San Cesareo ne approfitta a metà. Solo un pareggio per la formazione di Fabrizio Ferazzoli nel derby contro il Fidene (1-1) che consente comunque ai rossoblu di tornare in vetta a quota 44 insieme proprio alla Samb. Ko del Termoli nel derby di Agnone e vittoria sub judice dell’Ancona. Nel derby contro la Vis Pesaro sul campo i tre punti sono andati ai biancorossi dorici (decisiva la rete di Borrelli) ma il risultato potrebbe essere ribaltato dal giudice sportivo che dovrà pronunciarsi sul ricorso presentato dalla Vis per la posizione irregolare relativa al tesseramento di Bianchi, uno degli ultimi arrivi in casa dorica. In tutto questo, va bene alla Maceratese che con il solito Melchiorri (14° centro stagionale) batte a fatica il Celano, mentre l’ennesimo derby di giornata tra Jesina e Civitanovese si è chiuso con uno scialbo 0-0. Un gol realizzato in pieno recupero regala i tre punti al San Nicolò. Lo scontro salvezza con la Recanatese va agli abruzzesi che segnano in zona Cesarini (93’) con l’ex Jesina Gabrieli. L’unica vittoria esterna è quella dell’Isernia che espugna il Comunale di Scoppito superando, a porte chiuse, 1-3 l’Amiternina. Nel girone E terzo pareggio consecutivo in casa per la Viterbese che vede allontanarsi la vetta, occupata dal Castel Rigone. A salvare i gialloblu di Massimiliano Farris, che era andata sotto su un dubbio calcio di rigore, ci pensa l’ex Marino Rocco Giannone, che pareggia con un destro violento, imparabile per Laloni. Ancora una sconfitta per la Flaminia Civitacastellana. A vincere è lo Scandicci (3-1) che condanna i civitonici di Puccica alla tredicesima sconfitta in campionato. La cosa più preoccupante resta comunque l’ultima posizione in classifica a -8 dalla zona playout. Una situazione che, a questo punto della stagione, se non è drammatica poco ci manca.

Piero Zomegnan