Rieti, C siamo: dopo l’Aprilia manca solo il Trastevere. All’Albalonga potrebbe non bastare la perfezione..

Alessandro Bastianelli 19 marzo 2018 Commenti disabilitati su Rieti, C siamo: dopo l’Aprilia manca solo il Trastevere. All’Albalonga potrebbe non bastare la perfezione..
Rieti, C siamo: dopo l’Aprilia manca solo il Trastevere. All’Albalonga potrebbe non bastare la perfezione..

Di Alessandro Bastianelli.

Un’altra vittoria interna, l’ennesima della stagione, quella più importante.

Il Rieti si conferma schiacciasassi in casa, vince la dodicesima gara allo Scopigno, dove non ha mai perso, e mette altri tre punti di distacco fra lei e il secondo posto.

il rieti volaArrivata a quota sessantacinque punti, il Rieti si ritrova così a sei punti di vantaggio sull’Albalonga, che ieri ha riposato per via del rinvio dovuto al Torneo Di Viareggio.

A corollario di ciò, il Rieti avrà un calendario decisamente facile, anche se non privo di insidie. L’ultima gara davvero tosta per gli amarantocelesti sarà quella di domenica prossima al Trastevere Stadium, dove i ragazzi di Gardini si stanno giocando i play off.

Dopo di questa, non ci saranno gare difficili per il Rieti, che incontrerà o squadre già salve (Ostiamare e Lupa Roma alle ultime due), oppure compagini in lotta per la salvezza come Nuorese, Monterosi, Budoni e Lanusei. Tutte squadre nettamente inferiori sulla carta, anche se un paio di turni fuori (Nuorese e Budoni) potrebbero risultare più indigesti.

Francamente, sembra difficile che la compagine di Parlato possa perdere punti qua e là dopo lo snodo Trastevere. Sicuramente ci sarà da fare battaglia, ma la concentrazione mostrata in quest’ultimo mese dai reatini è da urlo. Gli amarantocelesti stanno sempre sul pezzo, non si concedono pause neanche quando potrebbero, e sarebbe strano vederli perdersi proprio adesso che l’odore della preda si fa più forte e vicino.

Carmine Parlato

Carmine Parlato

La situazione calendario è doppiamente pesante invece per l’Albalonga: da una parte c’è il ritmo del Rieti, dall’altra un finale di stagione ricco di scontri difficili, soprattutto in trasferta. Con sei punti reali, o se volete tre lunghezze virtuali di ritardo, potrebbe non bastare neanche la perfezione.

L’Albalonga avrà davanti, nel suo disperato tentativo di recupero, molteplici ostacoli: dovrà rinviare la gara con il Latina il 4 Aprile, e sarà condannata a disputare tre gare in dieci giorni tutte in trasferta (Sassari il 29 Marzo, Latina il 4 e San Teodoro l’otto). In più, rimangono ancora SFF Atletico e Aprilia fuori casa da incontrare, con gli aeroportuali che non avranno dimenticato le sei reti dell’andata e vorranno vendicarsi.

Chiaro che nel calcio tutto è possibile, anche una straordinaria rimonta dell’Albalonga. E di cose straordinarie ne ha fatte tante la squadra di Mariotti, specialmente in questo girone di ritorno (non perde dalla dodicesima di andata). Ma sempre da dietro, sempre con l’obbligo di rincorrere, un fattore che alla lunga, mentalmente, stanca. E che il Rieti sta riuscendo a portare agilmente dalla sua, dopo aver rischiato la rimonta negli ultimi due mesi. Troppo pesanti però i punti fatti nel girone di andata, vero e proprio punto di forza dei ragazzi di Parlato, che ad oggi hanno un 80-90% di possibilità di vincere il campionato e approdare in Serie C.

Atletico esultanzaE l’Atletico? I ragazzi di Scudieri sono sempre lì, a – 9 dal Rieti e a 3 lunghezze dall’Albalonga. Probabilmente, la possibilità di arrivare secondi se la giocheranno nello scontro diretto della trentaduesima giornata. Imperativo categorico sarà però non perdersi e adagiarsi su quanto fatto: il Latina corre forte con Pascucci, praticamente imbattuto (ad eccezion del recupero col Rieti) nel girone di ritorno, e sarà basilare difendere la possibilità di fare il play off in casa.

 

 

 

Banner