LA RAPPRESENTATIVA DI SERIE D E’ PRONTA PER LA “VIAREGGIO CUP”

redazione 30 gennaio 2013 Commenti disabilitati su LA RAPPRESENTATIVA DI SERIE D E’ PRONTA PER LA “VIAREGGIO CUP”

Presentata nella Sala del Consiglio Direttivo della Lnd la Rappresentativa di serie D che parteciperà alla “Viareggio Cup” con l’obiettivo di fare bella figura tra tante realtà professionistiche.

Nella Sala del Consiglio Direttivo della Lnd, alla presenza del Presidente Carlo Tavecchio, del Vice-Presidente Vicario Alberto Mambelli, del Coordinatore del Comitato Interregionale Luigi Barbiero e dei Consiglieri Renzo Burelli, Nuccio Caridi e Salvatore Colonna, è stata presentata la nuova avventura della Rappresentativa di serie D che sarà impegnata per l’ottava volta nella “Viareggio Cup” che avrà luogo dall’11 al 25 febbraio 2013.  Il Presidente della Lnd Carlo Tavecchio ha messo in evidenza che la Rappresentativa sarà impegnata in una grande “kermesse” che è una grande vetrina di calcio giovanile e che il livello tecnico è molto valido. Inoltre, i giovani sono il “fiore all’occhiello” sia della serie D che della Lnd dato che ogni settimana, il massimo campionato dilettantistico, che impone sempre quattro giovani in età di Lega in campo, ne mette in luce ben settecento su tutti i campi della serie D. La vera forza di questa squadra, che prenderà parte alla sessantacinquesima edizione della “Viareggio Cup”, è dimostrata dal fatto che è composta solo da giovani appartenenti a squadre di serie D. In chiusura del suo intervento, il Presidente Tavecchio ha inoltre sottolineato il grosso problema della sicurezza degli impianti e degli atleti ricordando il decesso recente del giocatore del Soleto Alessio Miceli in Seconda Categoria. Successivamente, ha preso la parola il Vice-Presidente Vicario Alberto Mambelli che ha ricordato che lo scopo della Lnd è quello di formare dei giovani che sono poi approdati nei professionisti come per esempio Grosso e Iaquinta che non solo giocarono nel calcio professionistico ma vinsero anche il Mondiale del 2006 con l’Italia di Lippi. Recentemente, l’Italia Under 17, composta solo da calciatori dilettanti,  ha spesso battuto delle compagini formate da giocatori professionisti al Torneo “Roma Caput Mundi” e quindi i risultati, al di là del verdetto finale, sono stati più che soddisfacenti… La Lnd, conclude Mambelli, ha sempre puntato sui giovani e quindi, nel torneo più importante di calcio giovanile, l’obiettivo è di fare bella figura senza porsi obiettivi… La Lnd, conclude Mambelli, che oltre al calcio, comprende calcio a cinque, calcio femminile e “beach soccer”, ha dei numeri importanti con quest’ultima disciplina in grande crescita. Poco dopo, ha preso la parola il coordinatore del Comitato Interregionale Luigi Barbiero che ha messo in rilievo che si vuole puntare solo su giocatori delle società di serie D e che sono state visionate circa duecento partite da settembre a fine gennaio in vista della “Viareggio Cup”. Poco dopo, è intervenuto il Supervisore della Rappresentativa di serie D Giancarlo Magrini, alla sua terza avventura nella grande “kermesse” internazionale di calcio giovanile, che spera di ottenere il massimo dalla sua squadra nella speranza che i suoi giovani calciatori abbiano un grande futuro. L’anno scorso, la Rappresentativa uscì ai quarti di finale contro la Roma mentre nel 2010, venne raggiunto un grande traguardo dato che solo ai calci di rigore, l’Empoli fermò la Rappresentativa allora allenata da Polverelli… L’aspetto più importante, sottolinea Magrini, è di ben figurare al di là del verdetto finale… Infine, hanno concluso la conferenza stampa due giocatori della Rappresentativa di serie D, Giacomo Ridolfi e Giovanni Dominici, rispettivamente centrocampista e difensore della Vis Pesaro che hanno ringraziato molto la Lnd nella speranza di fare meglio dell’anno scorso… La Rappresentiva di Magrini è inserita nel girone 6 del gruppo A con Reggina, Anderlecht e la compagine ecuadoriana del Csna Guayaquil in un ragruppamento non troppo proibitivo… “In bocca al lupo” ai ragazzi di Magrini nella speranza di fare un grande torneo e di lasciare un’ottima impressione in vista di un grande futuro, magari nei professionisti…

Giorgio Attolico