Frosinone, continua il periodo negativo: la squadra di Longo non va oltre lo 0-0 contro la Ternana

redazione 25 marzo 2018 Commenti disabilitati su Frosinone, continua il periodo negativo: la squadra di Longo non va oltre lo 0-0 contro la Ternana
Frosinone, continua il periodo negativo: la squadra di Longo non va oltre lo 0-0 contro la Ternana

Il Frosinone c’è veramente molto poco in questo momento. Dopo i due risultati negativi contro Palermo e Salernitana sopraggiunti in seguito ai tre punti racimolati in casa con il Novara, i canarini non ingranano neanche al ‘Liberati’ di Terni, là dove i ragazzi di Longo rimediano uno 0-0 che non può far altro che certificare il momento non eccezionale pera compagine giallazzurra. E le rivali per la promozione s’involano: vincono in contemporanea sia Empoli che Palermo (rispettivamente a 60 e 54 punti). I ciociari, invece, restano a quota 55. Ed hanno una partita in più rispetto ad entrambe le squadre sopra citate.

MODULI A SPECCHIO – Entrambe le compagini scendono in campo con il 3-4-1-2, che sfrutta l’incursione degli interni e l’imprevedibiità della coppia d’attacco. De Canio, allenatore dei locali, deve rinunciare a Plizzari (impegnato in Nazionale) e tra i pali schiera il giovane Sala. Torna Signorini in difesa per le Fere, che si affidano alla versatilità in mezzo al campo di Tremolada e lì davanti a bomber Montalto, affiancato da Finotto. Longo conferma Vigorito in porta, ritrova la TAB in difesa e Matteo Ciofani sulla corsia destra; in mezzo al campo vi sono Maiello e Gori, con Beghetto a fiancheggiarli sull’out di sinistra. Lì davanti, per porre rimedio all’assenza di Dionisi, il tecnico ciociaro schiera Soddimo dal 1′ assieme a Ciano e capitan Ciofani.

CIANO CONTRO TUTTI – Al ‘Liberati’ nei primi 45′ si assiste ad una chiara supremazia territoriale da parte della Ternana, che sfiora più volte il vantaggio facendo vacillare gli animi dei tifosi giallazzurri. Non pervenuto il Frosinone, eccezion fatta per Camillo Ciano: quest’ultimo tenta più volte la giocata personale, senza riscontrare però grande successo. Tre le conclusioni del fantasista canarino, che al 20′ tenta un’improbabile giocata aerobica dai trenta metri tranquillamente bloccata da Sala. Più insidiosi invece i tentativi giunti al 31′ (gran parata del portiere rossoverde) e al 39′, direttamente da calcio piazzato. In entrambi i casi si rivela attento l’estremo difensore degli umbri.

BOTTA E RISPOSTA – Ghiottissime, d’altro canto, le palle-gol per i locali: al 17′ Favalli non trova il tap-in sotto porta su suggerimento di Tremolada; dieci minuti dopo, Defendi sfiora un gran gol dopo essersi liberato di M. Ciofani sulla corsia di sinistra; all’altezza del 29′ Vigorito si oppone a dovere su un colpo di testa di Montalto. Pochi istanti dopo, Defendi manca la porta di testa sugli sviluppi di un corner e spreca la chance di portare in vantaggio i suoi. Poco prima dell’intervallo Gasparetto cade in area: Terranova lo strattona e gli estremi per il penalty ci sarebbero tutti: l’arbitro Chiffi, ingenuamente, lascia correre. Il fil rouge della prima frazione di gara, del resto, vede l’azione svolgersi quasi solo ed esclusivamente nella metà campo del Frosinone. E questo allarma (e non poco) la squadra di Longo, che rischia in più occasioni.

POCHI SPUNTI – La seconda metà di gioco assiste ad un Frosinone che si propone (a differenza del primo tempo) con costanza in proiezione offensiva, ma senza uno schema preciso e, soprattutto, con poca grinta. I canarini non lottano su ogni pallone come dovrebbero, non si riversano su tutti i contrasti con quella veemenza e convinzione psicologica che avrebbe potuto mandare in tilt la Ternana. Le occasioni per i canarini sono soltanto due: al 5′ della ripresa Ciano suggerisce in profondità per Gori, che però tentenna e in piena area perde palla. Al 14′ Daniel Ciofani, su sponda di Soddimo, spara alto al limite dell’area piccola, sciupando la possibilità di portare in vantaggio i suoi.  Al 35′ Longo rimuove Ciano per far entrare Matarese, come a Palermo. Ma ciò non basta per far sì che il gol arrivi: al ‘Liberati’, contro l’ultima in classifica, è 0-0. Un risultato inaccettabile in rapporto a ciò che il Frosinone è ed ai traguardi a cui vuole arrivare.

IL TABELLINO:

TERNANA 0-0 FROSINONE

Ternana (3-4-1-2): Sala; Valient, Gasparetto, Signorini (dal 9′ s.t. Rigione); Vitiello, Favalli, Paolucci, Tremolada; Defendi (C); Finotto, Montalto.
Panchina: Bleve, Angiulli, Statella, Varone, Piovaccari, Albadoro, Ferretti, Repossi, Carretta, Bordin.
Allenatore: Luigi De Canio.

Frosinone (3-4-1-2): Vigorito; Brighenti, Ariaudo, Terranova; M. Ciofani (dal 27′ Paganini), Gori, Maiello, Beghetto; Soddimo (dal 35′ s.t. Matarese); Ciano (dal 40′ s.t. Citro), D. Ciofani (C).
Panchina: Bardi, Russo, Besea, Frara, Volpe, Sammarco, Chibsah, Koné.
Allenatore: Moreno Longo.

Arbitro: Chiffi di Padova.
Assistenti: Lanotte di Barletta – Robilotta di Sala Consilina.
IV Uomo: Marini di Roma 1.

NOTE: Ammoniti: Vitiello, Montalto (T); Ariaudo (F).

Recupero: 1′ p.t.; 5′ s.t.