Frosinone, beffa nel finale: l’Empoli passa da 0 – 3 a 3 – 3

redazione 26 novembre 2017 Commenti disabilitati su Frosinone, beffa nel finale: l’Empoli passa da 0 – 3 a 3 – 3
Frosinone, beffa nel finale: l’Empoli passa da 0 – 3 a 3 – 3

Incredibile ma vero. Da 0-3 a 3-3 nonostante 90? belli e intensi da parte di un Frosinone a decollo verticale e poi troppo convinto di avercela fatta quando ancora la partita non era terminata. Poi è l’Empoli con una doppietta di Caputo tra il 46? e il 47? della ripresa ad agguantare il pareggio. L’ottavo risultato utile per la squadra di Longo ha il sapore della beffa. Per 90? non c’era stata partita, la rete dell’1-3 dell’Empoli in evidente posizione di fuorigioco all’8? della ripresa ha tenuto accese le speranze dei toscani che grazie a Caputo hanno trovato il pari in pieno recupero. Per il Frosinone terzo pareggio di fila, primo posto a 26 punti a pari punti con iol Bari e il Parma che giocheranno con Foggia e Carpi in questo 16° turno.

EMPOLI (3-5-2): Provedel; Di Lorenzo, Simic, Veseli; Untersee, Lollo (9? st Zajc), Castagnetti (9? st Bennacer), Krunic, Seck (32? st Luperto); Donnarumma, Caputo.

A disposizione: Terracciano, Polvani, Zappella, Romagnoli, Picchi, Zajc, Traorè, Piu, Ninkovic.

Allenatore: Vivarini.

FROSINONE (3-4-2-1): Bardi; Brighenti, Ariaudo (24? st Russo), Krajnc; M. Ciofani, Gori, Maiello, Beghetto; Dionisi (41? st Citro), Ciano (28? st Besea); D. Ciofani.

A disposizione: Zappino, Vigorito, Matarese, Gori A. Volpe.

Allenatore: Longo.

Arbitro: Sig. Marco Piccinini della sezione di Forlì; assistenti sigg. Gaetano Intagliata della sezione di Siracusa e Marco Bresmes della sezione di Bergamo. IV Uomo sig. Alessandro Prontera di Bologna.

Marcatore: 15? e 33? pt Ciano, 2? st Dionisi, 8? st Bardi (aut), 46? e 47? st Caputo

Note: spettatori: 8.000 circa (300 tifosi del Frosinone); angoli: 8-3 per l’Empoli; ammoniti: 27? pt Ariaudo, 36? pt Caputo, 40? st Di Lorenzo; recuperi: 1? pt; 5? st.

GLI SCHIERAMENTI – Vivarini deve rinunciare a Pasqual, Mchedlidze e Pejovic. In casa azzurra avanti con il 3-5-2. C’è Lollo nella posizione di interno destro, in ballottaggio fino all’ultimo con Bennacer, mentre Luperto lascia il posto sull’out mancino a Seck. Ricapitolando: davanti a Provedel il terzetto composto da Simic, Di Lorenzo e Veselj. L’ex bresciano Untersee e Seck sulle corsie, il metronomo è Castagnetti, gli interni sono Krunic e Lollo. In attacco Donnarumma e Caputo.

Nel Frosinone la lista degli indisponibili (Paganini, Sammarco, Soddimo, Terranova e Frara) si è allungata alla vigilia della partenza per Empoli, Crivello è rimasto infatti a casa a causa di un rialzo febbrile. Formazione fatta, praticamente. Tra i pali Bardi. Linea di difesa a tre, con Ariaudo in mezzo, Krajnc sul centrosinistra e Brighenti centrodestra. Laterali Matteo Ciofani e Beghetto, in mezzo al campo Gori a battagliare e Maiello a tenere la regia. Qualche metro più avanti Dionisi e Ciano alle spalle di Daniel Ciofani con licenza di scambiarsi la posizione di partenza.

SUPER-CIANO LEGITTIMA IL PREDOMINIO – Un minuto di gioco e l’Empoli si affaccia nell’area canarina, Krajnc chiude in angolo su Caputo innescato da sinistra da una percussione di Seck. Ma la palla gol al 2? è del Frosinone: Dionisi serve Ciano, sinistro alto. Fallaccio proditorio di Di Lorenzo su Dionisi, gomitata sul volto a palla in fallo laterale ma l’arbitro lascia correre in maniera inspiegabile. Il giallo c’era tutto. E le avvisaglie non sono delle migliori. Gioca bene la squadra di Longo, il centrocampo ringhia su tutti i palloni e orchestra, l’azione riparte con continuità. Ciano e Dionisi non danno punti di riferimento, la difesa si muove a fisarmonica, gli esterni fanno gli ufficiali di collegamento. Ed è ancora il Frosinone al 4? a sfiorare il gol: Brighenti da sinistra serve un pallone tagliatissimo in area azzurra, Dionisi sale in alto anche se la postura del corpo non è ottimale, grande frustata di testa e palla di poco oltre la traversa. All’8? break del Frosinone sul fianco destro del fronte d’attacco, Dionisi finta il tiro di sinistro a girare ma rientra col destro e serve sulla corsa Gori, palla morbida sulla testa di Daniel Ciofani, Castagnetti la allunga in angolo. Grande azione del Frosinone al 12?: Dionisi in transizione allarga per Beghetto che di prima intenzione serve sull’inserimento Matteo Ciofani pronto all’appuntamento, palla per Daniel che in avvitamento non imprime la giusta potenza al tiro e Provedel para. E’ il Frosinone che mena le danze, l’Empoli costretto giocoforza ad essere più attendista. E il gol arriva puntuale: Maiello serve Ciano, piazzato nella terra di nessuno, l’ex cesenate prende palla, avanza indisturbato e da 30 metri lascia partire un missile terra-aria di sinistro che si infila all’incrocio nell’angolo opposto a quello di tiro. Semplicemente fantastico.

CIANO, IL MANCINO ‘DE DIOS’ – Il Frosinone abbassa leggermente il ritmo rispetto al primo quarto d’ora anche per la maggiore spinta della formazione di Vivarini. E al 21? una indecisione tra Gori in mezzo al campo (in ritardo) e Krajnc in copertura (scivolato) spiana la strada a Donnarumma che cerca il gol ad effetto con l’esterno destro, palla fuori un metro. E’ ancora Empoli al 22?, Untersee taglia di sinistro dentro l’area, ottima la chiusura di Brighenti su Donnarumma pronto al tocco all’altezza dell’area piccola. I giallazzurri non soffrono ma concedono qualcosa. Come al 27? quando Ariaudo esce in chiusura oltre il limite ma prende il piede di Krunic, sulla palla va Castagnetti, tiro di un soffio fuori alla sinistra di Bardi. Si schiacciano troppo i giallazzurri e al 29? su un pallone vivo e vegeto in area dopo un tocco a rientrare di Donnarumma e la respinta corta di Krajnc, va al tiro Krunic e Brighenti salva a Bardi battuto. Al 32? il Frosinone con un’accelerazione fallisce il 2-0 più facile: break di Dionisi, parte Gori che sfrutta un rimpallo, la sfera finisce a Daniel Ciofani che impegna di sinistro Provedel, arriva di gran carriera Ciano, destro alle stelle a porta vuota. Non c’è tempo per recriminare perché la squadra di Longo si sente padrona del campo. Il 2-0 è in arrivo sul secondo binario: la difesa dell’Empoli respinge ad occhi chiusi al limite su un tiro di Gori, palla da Beghetto a Daniel Ciofani che sale spizza per Ciano, controllo e giravolta di sinistro, palla alla sinistra di Provedel. Due a zero.

BARDI SARACINESCA – Prova a svegliarsi l’Empoli, Bardi attento sul palo a deviare in angolo su un tiro velleitario di Krunic. Empoli in verticale e tutto ad un tocco, la difesa non intercetta, miracolo di Bardi che devia un rigore in movimento di Donnarumma servito sulla linea dei difensori da Caputo. Ad una azione, come nella fisica, corrisponde sempre una reazione uguale e contraria quando si tratta del Frosinone di Longo. E così al 41? è Matteo Ciofani, moto perpetuo perché appare in copertura e riappare nell’area opposta, a farsi trovare nella posizione del fratello ma non impatta di testa un cross al bacio di Beghetto con Provedel impietrito. Lezione di calcio al 45?: tacco di Dionisi nello spazio dove si infila Gori, destro a tagliare la difesa ma non c’è nessuno a chiudere a rete.

DIONISI, GOL DA CINETECA. ACCORCIA L’EMPOLI MA E’ OFFSIDE – Il tempo di ricominciare e per l’Empoli è già notte fonda perché il Frosinone la vuole chiudere subito: Dionisi prende palla da sinistra, si accentra, la tiene, rallenta per un nanosecondo e lascia partire un destro che spolvera le ragnatele sotto la traversa alla destra di Provedel. Tre a zero per il Frosinone. All’8? Empoli però accorcia le distanze: sul corner colpo di testa di Di Lorenzo, palla sul palo, sulle spalle di Bardi e in rete ma c’è la posizione dubbia di Donnarumma che cerca di intervenire sul colpo di testa. Doppio cambio azzurro: dentro Zajc e Bennacer al 9? al posto di Lollo e Castagnetti. La squadra di Longo non perde ritmo e geometrie. E l’Empoli la mette sempre sul piano agonistico, al quarto d’ora Daniel Ciofani con la coda dell’occhio vede lo scatto di Dionisi ma Simic lo affonda in maniera scientifica in mezzo al campo.

SI FA MALE ARIAUDO, C’E’ RUSSO E ARRIVA LA BEFFA – Sul Frosinone però piovono infortuni: dopo un contrasto con Caputo si fa male Ariaudo che cade male, al 24? entra Russo che va al centro della difesa. Ma è sempre la squadra di Londo ad essere pericolosa, al 25? doppia botta di Dionisi dal limite, sulla seconda para in tuffa Provedel. E poi è lo stesso portiere ex Pro Vercelli a chiudere in presa alta sull’arrivo di Gori. Longo aumenta la densità in mezzo al campo, Besea al 28? al posto di Ciano autore di un tempo da marziano condito da una doppietta da piani altissimi del calcio. Dentro Luperto per Seck nell’Empoli, ultimo cambio per Vivarini. Ma è sempre il Frosinone a dare l’impressione di tenere il gioco in mano. Un paio di palloni dalle parti di Bardi senza pretese, il primo di Zajc parato al centro della porta e il secondo di Bennacer che gira ad un metro dal palo. Entra Citro per Dionisi al 41?. Il Frosinone però deve soffrire perché al 1? di recupero Krunic serve un pallone maledetto in area, la difesa è piazzata male e Caputo fa 2-3. Un minuto dopo Bardi si riscatta in angolo ma sull’angolo è Caputo a firmare il 3-3 incredibile sul colpo di testa di Krunic, andando ad anticipare Beghetto. Beffa.

Ufficio Stampa Frosinone Calcio